Antonio Conte (Ansa)
Antonio Conte (Ansa)

Milano, 26 gennaio 2021 – L’Inter vendica il ko subito nel derby d’andata di campionato e batte 2-1 il Milan in rimonta approdando in semifinale di Coppa Italia dove troverà la vincente del quarto tra Juventus e Spal. Al gol del vantaggio di Zlatan Ibrahimovic – poi espulso per somma di ammonizioni – i nerazzurri hanno risposto Romelu Lukaku su rigore e Christian Eriksen con una gemma su punizione in pieno recupero. A fine gara, ai microfoni Rai, mister Antonio Conte si è detto soddisfatto per la prestazione dei suoi, che hanno preso in mano l’inerzia del match all’uscita dal campo di Ibra: “Siamo in semifinale per il secondo anno di fila ed è merito soprattutto della squadra perché ha interpretato nella maniera giusta questo derby contro una grande squadra come il Milan che non è in testa al campionato per grazia ricevuta. I rossoneri hanno valori importanti ma anche in undici contro undici abbiamo avuto occasioni importanti e credo che il risultato fino a quel momento non fosse giusto perché stavano facendo la partita”.

Nonostante il successo, però, l’allenatore dell’Inter ha voluto fare un piccolo appunto ai suoi: “Anche stasera abbiamo creato tanto ma dobbiamo essere più cattivi e determinati sotto porta”. Il tecnico salentino ha poi dedicato la vittoria ai tifosi e ha preferito non gettare benzina sul fuoco in merito alla rissa tra Ibrahimovic e Lukaku: “Un derby non è una passeggiata di salute ed è inevitabile che lo sentissimo. Per questo è giusto dedicare la vittoria ai nostri tifosi che ci hanno accolto calorosamente allo stadio. Ci tenevano e vogliamo condividere con loro questa gioia. Ibra e Lukaku? Ho fatto il calciatore e durante una partita so che gli animi sono accesi e cose come questa possono accadere. L’importante è far rimanere tutto in certi limiti. Mi ha fatto anche piacere vedere Romelu così sul pezzo”. Infine Conte ha aperto alla permanenza in nerazzurro di Eriksen: “Da un mese dico che non partirà nessuno e non arriverà nessuno. Con Eriksen stiamo lavorando per creare un’alternativa a Brozovic che ricopre un ruolo dove siamo scoperti. Fa parte del progetto e ce lo teniamo stretto”.

Pioli: “L’espulsione di Ibra ha cambiato il match”

Dispiaciuto invece Stefano Pioli che ha comunque elogiato la reazione dei suoi ragazzi dopo il ko con l’Atalanta: “Ci dispiace essere usciti perché tenevamo alla Coppa Italia. La partita ci ha però fatto capire che possiamo tenere testa a un’avversaria forte. Il fatto di essere rimasti in dieci ci ha complicato le cose. In dieci è diventato tutto più difficile e siamo stati un po’ ingenui anche sull’episodio del rigore ma io ho comunque avuto delle buone risposte dalla squadra che veniva da una brutta prestazione. Esco da questa sconfitta con animo positivo e fiducioso per il futuro”. Determinante, quindi, secondo il tecnico, emiliano la rissa di fine primo tempo tra Ibrahimovic e Lukaku e quindi anche la successiva espulsione dello svedese: “Ha influito perché la prima ammonizione ha di fatto pesato anche sulla seconda. Lui e Lukaku sono adulti e vaccinati. Se ne sono detti di tutti i colori, in campo può capitare ma poi bisogna passarci sopra e pensare alla prossima.”

Leggi anche - Coppa Italia 2021: tabellone dei quarti. Dove vedere le partite in tv