Beppe Marotta
Beppe Marotta

Milano, 18 luglio 2021 - Tanti nomi di mercato accostati all'Inter, soprattutto per la fascia destra, ma la sessione in entrata è basata su un concetto chiaro: la creatività. Lo ha affermato l'amministratore delegato Beppe Marotta ai microfoni di Sport Mediaset, soprattutto in relazione al possibile colpo Nahitan Nandez. L'uruguaiano al momento è troppo costoso per le casse nerazzurre.

Contrazione del mercato

Si parte sempre da un presupposto: in questi periodi pandemici il mercato è contratto. Non c'è liquidità per fare grandi investimenti, i club hanno perso introiti tra botteghini, sponsor e mercato povero. Si fa con quel che si ha e nella fattispecie l'Inter ha fatto affidamento al prestito garantito da Oaktree, ma non per il mercato. Le risorse sono destinate alla continuità aziendale mentre il mercato deve essere autofinanziato, con l'incasso di Hakimi che in parte andrà a sanare il bilancio. Ma c'è da trovare un sostituto e i nomi fatti sono tanti, partendo da Bellerin, passando per Dumfrìes e per finire con Nandez. Il punto dell'amministratore delegato Beppe Marotta: "Nandez? Il mercato è basato su opportunità e creatività - le parole dell'Ad - Credo sarà complicato per tutte le squadre, la contrazione colpisce chiunque e servirà grande pazienza. Noi, comunque, partiamo da una base solida di un gruppo che è campione d'Italia".

Inzaghi giusto proseguimento

Si passa poi a discorsi più tecnici. Due a due a Lugano al debutto di Simone Inzaghi, gol di D'Ambrosio e Satriano in rimonta, un tecnico scelto per proseguire il lavoro di Antonio Conte basato sul 3-5-2. Il pensiero di Marotta: "Le sensazioni sono buone - l'analisi - La squadra e l'allenatore rappresentano ciò che cerchiamo, e si tratta di una conferma. Inzaghi ha fatto molto bene alla Lazio e lo considero il giusto proseguimento del solco tracciato da Conte. Noi siamo al suo fianco per supportarlo e metterlo nelle migliori condizioni possibili".

Leggi anche - Milan, Giroud suona la carica: "Puntiamo allo Scudetto"