Romelu Lukaku
Romelu Lukaku

Milano, 18 febbraio 2021 – Romelu Lukaku a 300 all’ora. La doppietta contro la Lazio ha portato il gigante belga a raggiungere i 300 gol in carriera, traguardo che solo a pochi è riuscito e a pochissimi con una età inferiore alla sua. Lukaku li ha raggiunti a 27 anni di età, pareggiando Cristiano Ronaldo e un loro grande avversario è alle loro spalle.

Lukaku davanti a Ibra, Suarez e Lewandowski

Romelu Lukaku a 27 anni e mezzo ha toccato quota 300 gol, alla stessa età li raggiunse Cristiano Ronaldo, in una speciale classifica che vede in teta il solo Leo Messi che già a 25 anni superò quel limite. Dietro grandi big del calcio, Luis Suarez e Robert Lewandowski ci sono arrivati a 28 anni, Zlatan Ibrahimovic, che Lukaku affronterà domenica nel derby, a 31. Insomma, il gigante belga è già oggi tra i migliori attaccanti di sempre ma la sua carriera è ancora lunga, è nato nel maggio del 1993, e tanti record potranno ancora essere infranti. L’aspetto importante del rendimento di Lukaku è che, tranne nella parentesi al Chelsea, ha sempre chiuso le sue stagioni con almeno 15 gol.

Medie da record all’Inter

 

I dati in maglia Inter sono ancora più impressionanti Per Romelu Lukaku nella stagione 2020/2021 sono 22 gol in 29 presenze, in generale da quando veste la maglia dell’Inter i gol ufficiali sono 56 in 80 partite. E’ una media di realizzazione che in carriera non ha mai avuto in nessun altro club: Lukaku segna infatti con l’Inter circa 0.7 gol a partita, con l’Everton si è fermato a 0.52, con l’Anderlecht a 0.4, con lo United a 0.43 e con il West Bromwich a 0.44. Non solo, con Lukaku in campo Conte sa che praticamente arriverà quasi un gol a partita. In questa stagione il numero 9 ha giocato 2.272 minuti segnando una rete ogni 103 minuti, media leggermente più alta nel 2019/2020 con 1 gol ogni 123. In totale, Lukaku ha giocato con l’Inter 6.461 minuti segnando una rete ogni 115 minuti. Domenica il derby, di nuovo il faccia a faccia con Zlatan Ibrahimovic dopo il litigio in Coppa Italia.

Leggi anche - Fenomeno Lukaku, Inter al derby da capolista