Antonio Conte
Antonio Conte

Milano, 4 gennaio 2021 – Non è prima in classifica, ma l’Inter di Conte, passata la delusione per l’eliminazione dalla Champions League, sta toccando vette statistiche di rilievo, che vanno a scomodare anche mostri sacri del passato nerazzurro. Tra questi c’è ovviamente Jose Mourinho. Da dodici anni infatti l’Inter non infilava otto vittorie consecutive, bisogna ritornare proprio allo Special One.

Inter dei record


Non ci sono solo le otto vittorie in fila - non succedeva dal 2008 - a confermare la reazione nerazzurra all’uscita dall’Europa, ma anche dati statistici sull’attacco di tutto rilievo. La squadra di Conte è attualmente il miglior attacco del campionato con 40 gol fatti in 15 partite, una media di quasi tre gol segnati a partita (2.7). Sono dati impressionanti, infatti per ritrovarne di simili bisogna tornare indietro di 50 anni. Dal 1950 i nerazzurri non segnavano così tanto dopo 15 partite, allora furono 45 gol segnati, in un calcio diverso e con risultati anche tennistici. Insomma, la squadra produce anche se dietro concede qualche distrazione di troppo, forse fatali per l’attuale secondo posto. Ma il fatto che la squadra abbia recuperato 4 punti al Milan è un buon segnale e la Juve, al momento, insegue.

 

Lu-La

 


Funziona soprattutto la coppia d’attacco formata da Lautaro Martinez e Romelu Lukaku, per ora insostituibili in uno scacchiere offensivo che ha il solo Sanchez come alternativa considerando che Pinamonti è stato poco utilizzato e pare destinato alla cessione. Se da un lato il belga ha raggiunto le 50 marcature in maglia nerazzurra, dall’altro Lautaro ha segnato la prima tripletta con l’Inter. Andiamo con ordine, Lukaku è a quota 50 gol in 70 partite con l’Inter, 35 di questi in campionato con 50 presenze. Meglio di lui nella storia della Serie A per gol segnati in 50 partite ci sono solo Cristiano Ronaldo con 40, Ronaldo il fenomeno con 38, Shevchenko con 37 assieme a Milito e Montella con 36. Tripletta perfetta invece per Lautaro che ha segnato di destro, sinistro e di testa contro il Crotone, l’ultimo a riuscirci con l’Inter è stato Mauro Icardi nel 2017 nel match contro l’Atalanta.

Leggi anche - Serie A, il Milan passa a Benevento con un capolavoro di Leao