Mauro Icardi
Mauro Icardi

Milano, 12 giugno 2019 – C’è un enigma da risolvere per l’Inter nel corso di questa estate: Mauro Icardi. La decisione del club appare presa, cessione dell’ex capitano con avvallo anche del neo tecnico Antonio Conte. In avanti resterà Lautaro Martinez, poi arriverà un acquisto dal mercato, probabilmente Edin Dzeko. Per Icardi non c’è spazio, anche se lui continua il muro contro muro.

VANA LA SPERANZA CONTE – Mauro Icardi si era aggrappato alle decisioni di Antonio Conte, sperando di poter contare sull’appoggio del neo tecnico per guadagnare la riconferma. Ma l’ambiente Inter ha deciso: cessione, e anche Conte è d’accordo. L’idea è chiara: non si vogliono avere problemi in spogliatoio e nell’ambiente nerazzurro, e quello che è successo con Icardi la scorsa stagione può lasciare scorie. La strategia è decisa, resta da capire come e quando attuarla. Dall’altro lato Icardi sembra impuntarsi sulla sua decisione di restare all’Inter, ma prima o poi dovrà mollare la presa e accettare una decisione che appare irrevocabile. L’amministratore delegato Beppe Marotta vuole comunicare a Icardi i piani, ovvero che all’Inter per lui non ci sarà spazio, tuttavia l’argentino è deciso a presentarsi a luglio per il via del ritiro. In realtà si cercherà una soluzione prima.

JUVE E DYBALA - Ma dove potrebbe finire Mauro? Ad oggi l’unica soluzione possibile in Italia è la Juventus, con De Laurentiis – Maurito era stato accostato anche al Napoli – che ha smentito ogni possibile trattativa. Ma attualmente alla Juve manca ancora un allenatore e i tempi si sono allungati, anche se Maurizio Sarri difficilmente direbbe di no a Icardi. L’Inter, dal canto suo, non può rimanere con le mani in mano e cercherà di strappare ai rivali Paulo Dybala. Qui però ci si scontra con la resistenza dell’argentino, il quale vorrebbe restare in bianconero a maggior ragione con il cambio di tecnico. Nel frattempo la ‘joya’ cercherà di rivalutarsi in Coppa America dopo una stagione di ombre, ma sotto sotto Marotta spera di poterlo portare a Milano, esattamente come Conte. D’altronde l’Inter non può perdere Icardi e non rispondere con un grande colpo: arriverà quasi certamente Edin Dzeko, però cedere uno dei migliori attaccanti in circolazione ai bianconeri e non rispondere sarebbe visto come un errore.