Wanda Nara (Newpress)
Wanda Nara (Newpress)

Milano 21 aprile 2019 – Panchina ieri sera per Mauro Icardi contro la Roma, ingresso solo nel secondo tempo per l’argentino sostituito nell’undici titolare da Lautaro Martinez. Ma la scelta di Luciano Spalletti non ha incrinato le certezze di Wanda Nara che ancora una volta ha confermato la volontà sua e di Mauro di restare all’Inter anche la prossima stagione.

RIMANE? CERTO! – Sembra essere rientrato il caso Icardi, l’Inter ha ritrovato un minimo di serenità interna anche se la lotta Champions non è conclusa dopo il pareggio con la Roma. Una partita che poteva finire peggio visto il vantaggio dei giallorossi il quale, se portato a termine, avrebbe riaperto definitivamente i giochi. Invece l’Inter ha mantenuto il vantaggio su Roma e Milan, in attesa del match di domani dell’Atalanta. Ma Icardi, in una della partite cardine della stagione, è partito dalla panchina. Di questo e del futuro ha parlato Wanda Nara a Tiki Taka: “L’1-1 non mi piace, ma un pari con la Roma si può accettare – ha affermato – Il punto avvicina l’Inter alla Champions e credo che alla fine ce la farà. Icardi in panchina? Scelta di Spalletti”. Ma è sul futuro del marito che Wanda è ancora più chiara: “Mi chiedete se Icardi rimane all’Inter? Certo che rimane”.

ICARDI E SPALLETTI ANCORA ASSIEME? –Mentre l’Inter lotta per rientrare in Champions, dietro le quinte lavora al futuro tecnico del club. C’è da valutare la posizione di Spalletti, che ha ancora contratto con l’Inter, ma è insidiato da Antonio Conte, vecchio pallino di Marotta. Il futuro di Conte potrebbe intrecciarsi con quello di Allegri, attuale tecnico della Juve. Se Allegri, che ha dichiarato di voler continuare in bianconero, non dovesse proseguire la sua avventura a Torino, Agnelli potrebbe di nuovo rivolgersi all'ex per un clamoroso ritorno. In quel caso la permanenza di Spalletti sarebbe più probabile. E in questa eventualità il rapporto con Icardi, se resterà come affermato da Wanda, dovrà ritornare solido per garantire all’Inter uno spogliatoio e un ambiente sano per riavvicinare sensibilmente la Juventus. Tutti aspetti di cui si occuperà Marotta, per una estate caldissima.