La seconda divisa ufficiale
La seconda divisa ufficiale

Milano, 25 giugno 2019 – Non c’è una nuova stagione calcistica senza la presentazione di una maglia. Oggi è toccato all’Inter svelare la seconda casacca per il 2019/2020 e la scelta del colore è alquanto sorprendente. Sulle reazioni, come sempre, c’è chi apprezza e chi no, ma almeno si possono trarre anche considerazioni di mercato visti i modelli utilizzati per la presentazione.

LAUTARO E SKRINIAR – Non c’erano particolari dubbi sulla permanenza di un paio di giocatori nerazzurri, ma essendo stati utilizzati per la seconda maglia ufficiale i tifosi interisti possono stare ancora più tranquilli. I modelli che si sono prestati per la presentazione sono Milan Skriniar e Lautaro Martinez, i quali inevitabilmente rimarranno nerazzurri anche il prossimo anno. Nonostante la seconda casacca sia…acquamarina. Ad ogni modo, il roccioso difensore sarà perno della retroguardia assieme a Godin e De Vrji, la punta si giocherà il posto con i possibili neo acquisti Edin Dzeko e Romelu Lukaku.

LA MAGLIA – Dicevamo dei colori, l’Inter ha scelto una tinta di verde, definita ‘acquamarina’. Il motivo deriva dalla vivacità della colorazione e prende ispirazione dall’eleganza milanese. La divisa ha un richiamo nero e oro sia sulle maniche che sul collo a V, mentre all’interno è presente il dettaglio che prende forma della Croce di San Giorgio, simbolo di Milano. Nella parte bassa, pantaloncini bianchi e calzettoni con blocchi di colore verde e bianco, separati da un anello nero e la scritta Inter a metà polpaccio. Ovviamente, appena svelata, la maglia ha già diviso i tifosi. Per tanti è bellissima, per qualcuno addirittura ‘la più bella di sempre, peccato che la prima sia la più brutta di sempre’. C’è chi invece è iper critico ‘un pigiama e non riprende i colori del club’ e chi guarda al passato ‘la meno brutta tra le ultime’. Soddisfatto Pete Hoppins, Nike Football Apparel Senior Design Director: “Credo che la nuova divisa abbia un look molto originale – ha affermato – E’ eccezionale essere riusciti a realizzare un concetto moderno pur rimanendo legati alla tradizione milanese”. Insomma, dal 26 giugno, data in cui la maglia sarà in vendita per i tifosi, si capirà quanto è piaciuta.