Antonio Conte e Lele Oriali
Antonio Conte e Lele Oriali

Milano, 25 maggio 2021 – Sono giorni incredibilmente conditi da incertezza quelli di Appiano Gentile. L’Inter ha appena festeggiato lo Scudetto ma ancora non conosce il proprio futuro. Da un lato c’è Antonio Conte, artefice del diciannovesimo titolo, dall’altro la proprietà, che dovrà trovare il modo di dare continuità ad un progetto vincente e appena nato. Ma ad oggi non ci sono assolute certezze sulla permanenza del tecnico salentino.

Niente confronto

Da giorni si parla di un confronto tra Antonio Conte e Steven Zhang, ma nemmeno ieri è andato in scena. A quanto pare non sarebbe nemmeno in calendario, anche perché la proprietà ha già affrontato nelle settimane scorse l’argomento futuro dal punto di vista degli investimenti. Sul mercato si andrà di autofinanziamento, situazione che sia i dirigenti che Antonio Conte conoscerebbero benissimo. Ecco allora che mentre da un lato il tecnico preme per parlare direttamente con il capo, dall’altro la proprietà crede che tocchi a Conte far sapere le proprie intenzioni, forte di un contratto per un altro anno.

Rischio stallo?

Ora, le probabilità che Conte resti alla guida dell’Inter sono ancora alte, ma non è da escludere che la situazione possa complicarsi se il tecnico dovesse pensare ad una sorta di ciclo interrotto bruscamente. E qui si aprirebbe una situazione di stallo legata all’ulteriore anno di contratto di Conte: di sicuro Zhang non lo esonererebbe e di sicuro l'allenatore non si dimetterebbe. Più che altro, la partita non sarà tanto relativa all’autofinanziamento, con il Covid tocca a tutte le società, ma piuttosto a come verrà attuato. Se Suning decidesse di sacrificare un paio di pedine dell’undici titolare la permanenza di Conte si farebbe più complicata, se invece l’autofinanziamento deriverà dalla cessione di qualche esubero e dei prestiti ci sarebbe modo di proseguire senza particolari patemi. Zhang rientrerà in Cina tra circa due settimane e Conte preme per un confronto: nel frattempo il domino di panchine in Serie A è partito...

 

Leggi anche - Juve, Ronaldo e l'aria di addio: "Ho realizzato il mio obiettivo in Italia"