Milano, 26 maggio 2021 – Colpo di scena in casa Inter: è addio ad Antonio Conte. Le strade fra la società nerazzurra e il tecnico salentino si dividono dopo la vittoria dello scudetto. La proprietà ha reso noti i piani per il futuro e proprio sul tema del futuro è nata la rottura fra l'Inter e Conte. Abbattimento dei costi e necessità di fare plusvalenza con cessioni eccellenti: nette le divergenze fra le parti, con Conte che alla fine ha deciso di non accettare questo nuovo scenario. Questo l'annuncio apparso sui social dell'Inter: "FC Internazionale Milano comunica di aver trovato l’accordo per la risoluzione consensuale del contratto con l’allenatore Antonio Conte. Tutto il Club desidera ringraziare Antonio per lo straordinario lavoro svolto, culminato con la conquista del diciannovesimo Scudetto. Antonio Conte rimarrà per sempre nella storia del nostro Club". Per quanto riguarda la buonuscita, si parla di un accordo di circa 7 milioni di euro.

No ridimensionamento, spunta il Real

Suning non può garantire la permanenza di tutti i big e questo ha fatto vacillare Conte. L’amministratore delegato Beppe Marotta ha lavorato per cercare di rimettere a posto la situazione, ma senza successo.

Chi sarà il successore?

Ecco allora che ora Marotta dovrà farsi trovare pronto per il dopo Conte. Forse la strategia potrebbe ricadere su un altro ex Juve. Non è dunque da escludere una nuova staffetta, dopo quella in bianconero, tra Conte e Max Allegri, desideroso di tornare dopo un periodo di stop. L’ex Juve e Milan attende al varco, consapevole che il domino delle panchine è ancora in atto e potrebbe coinvolgere anche top club europei. Ed è qui che Marotta può di nuovo inserirsi con efficacia per dotare l’Inter di un allenatore in grado di sostituire egregiamente Conte dopo la vittoria del diciannovesimo Scudetto.

Leggi anche - De Laurentiis: "Ho già trovato il nuovo allenatore"