Inter-Cagliari, espulso per proteste Lautaro Martinez (Ansa)
Inter-Cagliari, espulso per proteste Lautaro Martinez (Ansa)

Milano, 26 gennaio 2020- Il passato che ritorna, proprio nel momento più delicato di tutti: non si erano lasciati proprio nel migliore dei modi l'Inter e Radja Nainggolan, rimasto ai margini del progetto e ritornato nella sua Cagliari per trovare un po' di continuità. E l'occasione della rivincita non poteva essere lasciata andare via senza provare a combattere, come è nella sua natura da sempre. Saranno stati questi i pensieri che avranno accompagnato Nainggolan quando, a venti minuti dalla fine, è riuscito a ingannare bastoni e a bucare la porta dell'Inter con la rete che vale l'1-1, il terzo consecutivo per i nerazzurri in campionato.

Di certo Antonio Conte non si aspettava un finale del genere: la sua squadra era alla disperata ricerca di una vittoria che manca dalla sfida contro il Napoli per provare a tenere testa alla Juventus e continuare a sognare il titolo, con qualche rinforzo di qualità in più come Ashley Young schierato in campo dal primo minuto. Ed è proprio l'ex Manchester United ad essere protagonista in occasione del gol che ha aperto la partita: grazie a un suo crossi infatti, Lautaro Martinez di testa è riuscito a mettere a segno il suo decimo gol in Serie A, convalidato soltanto dopo una lunga verifica da parte del VAR.

Ma poi, a parte qualche altra conclusione dell'attaccante argentino, l'Inter non è mai riuscita a essere pericolosa contro un avversario che ha già dimostrato più volte di sapersi rialzare. L'occasione più clamorosa dei nerazzurri arriva nella ripresa con Lautaro che manda fuori un pallone rimbalzato pochi istanti prima da Cragno, impegnato da un tiro pericolosissimo di Sensi. Ma poi, alla fine, è Nainggolan a sorprendere tutti: il belga prova prima il tiro dalla grande distanza, deviato in modo fortuito da Simeone e poi all'80' riesce finalmente a bucare la porta di Handanovic aiutato da una palla persa di Godin e da un errore in difesa di Bastoni.

Prima del triplice fischio c'è tempo anche per la clamorosa espulsione di Lautaro Martinez, uomo più importante per i nerazzurri nel bene e nel male, allontanato dal campo dopo un insulto rivolto all'arbitro. Un finale elettrico che però non cambia la situazione: per l'Inter sono tre i punti conquistati nelle ultime tre partite, troppo poco per tenere il passo dei trionfi bianconeri. Sorride invece il Cagliari per il punto guadagnato, utile per non perdere il contatto con la zona Europa League.