Romelu Lukaku
Romelu Lukaku

Milano, 21 ottobre 2020 - Esordio in chiaro scuro per l'Inter in Champions League. La squadra di Conte non è andata oltre il pareggio interno (2-2) contro il Borussia Moechengladbach non sfruttando la clamorosa vittoria esterna dello Shaktar a Madrid. Per l'Inter doppietta di Lukaku: dopo l'iniziale vantaggio i tedeschi avevano rimontato e sorpassato prima della zampata in zona Cesarini del belga.

Primo tempo di noia

Senza Hakimi, positivo al Covid, Conte sceglie Darmian sulla destra, a sorpresa Eriksen trequarti dietro Sanchez e Lukaku. Nel primo tempo non è una bella partita, il Borussia è solido e compatto dietro, la manovra dell'Inter fatica a trovare spazi convincenti e Lukaku e Sanchez non hanno tanti palloni giocabili. A metà tempo triangolazione Sanchez-Darmian-Eriksen, piatto destro del danese salvato davanti alla porta da Kramer. Non ci sono praticamente tiri in porta se non una punizione centrale di Eriksen, ma la vera occasione capita sul destro di Lukaku al 42': diagonale fuori di poco. I primi 45 minuti sono racchiusi qui, con appunti sul taccuino vicini allo zero assoluto.

Emozioni nel secondo

Conte apre la ripresa con Lautaro Martinez al posto di Sanchez, e il cambio ha il suo effetto. Proprio da un cross Vidal è Lautaro a spizzare di testa, ne nasce una carambola in area che porta Lukaku, di destro, a trafiggere Sommer da centro area, 1-0. Ancora Inter al 52', stavolta è Eriksen a mettere in mezzo da destra ma Darmian è murato sul più bello. I nerazzurri sembrano in controllo ma la partita cambia al 61', intervento scriteriato di Vidal in area su Thuram, per Kuijpers non c'è nulla ma il var richiama per l'on field review: calcio di rigore, Bensebaini trasforma il pareggio. Finale denso di emozioni, al minuto 82 sgroppata di Darmian, cross e girata di Lautaro che si stampa sul palo. Sfortuna. Doccia fredda invece tre minuti più tardi, Vidal perde l'uomo alle spalle su lancio di Kramer per Hoffmann, Handanovic è battuto per la seconda volta. Il lungo check del Var, su un possibile tocco di Pleà per il fuorigioco non sortisce gli effetti sperati dall'Inter, 1-2. L'Inter ha però la capacità di reagire subito, Sommer vola zu zuccata di Darmian ma sul corner successivo, Bastoni, da poco entrato, spizza per Lukaku sul secondo palo: 2-2. L'ultima emozione è al 94', Lautaro si guadagna fallo al limite dell'area ma la punizione di Kolarov colpisce l'esterno della rete. L'Inter si salva in extremis, ma lo Shaktarè  in testa al girone dopo la vittoria di Madrid e per i nerazzurri è una occasione sprecata.

Leggi anche - Europa League, formazioni e orari tv