Nicolò Barella
Nicolò Barella

Milano, 26 settembre 2021 – Il pirotecnico 2-2 tra Inter e Atalanta non scalfisce l’inizio di stagione dei nerazzurri che, al cospetto del primo big match stagionale, si sono ben comportati. Certo, un po’ di fortuna nel finale con il gol non convalidato a Piccoli, prima il rigore sbagliato di Dimarco, ma in generale una partita giocata a viso aperto e ad alta intensità. Poi i singoli, e in questo momento Nicolò Barella è uno dei migliori mediani d’Europa.

Il suo zampino sempre

Sono cinque gli assist di Barella in questo campionato, un bottino già vicinissimo ai 7 totali dell’anno scorso. In Europa solo Benzema, Pogba e Simon ci sono riusciti, ma Barella è il più giovane. Non solo, il centrocampista ha messo lo zampino in almeno un gol in tutte e sei le partite di Serie A disputate fino a qui, significa essere decisivi sempre. Corsa, dinamismo, copertura e qualità: il campione d'Europa è ormai un giocatore fatto e finito.

Dzeko come Milito

Il capitolo dei record non finisce con Barella. Anche Edin Dzeko si è eretto a baluardo della squadra con 5 gol in 6 partite, un dato che in passato, al debutto con la maglia nerazzurra, aveva raggiunto solo Diego Milito nel 2009/2010. Prosegue invece la striscia di gol consecutivi in Serie A per l’Inter che ha raggiunto 25 partite con almeno una marcatura. E’ record di sempre per il club, battuta la serie di 24 ottenuta da Giulio Cappelli nel 1949/1950.

Leggi anche - Serie A, i risultati