Mauro Icardi
Mauro Icardi

Milano, 7 novembre 2018 – Tutto inizia con una rimonta. A Roma, il 20 maggio, un rigore di Icardi e la zuccata di Vecino rimontano le reti di Marusic e Felipe Anderson riportando l’Inter in Champions. Tutto parte da lì, con una rimonta clamorosa. Lì si è temprato il carattere che i nerazzurri stanno ora portando in giro per l’Europa.

TRE RIMONTE SU QUATTRO – La squadra di Spalletti sta mostrando notevoli progressi a livello di mentalità vincente. Al netto della striscia di sette vittorie consecutive in campionato, la banda nerazzurra si è fatta trovare pronta, soprattutto nelle difficoltà, in Champions League. Già al debutto contro il Tottenham, il fortunoso goal di Eriksen sembrava essere una condanna eccessiva per l’Inter che però ha mostrato notevole capacità di reazione, trovando prima il pari con la splendida marcatura di Icardi e successivamente la zuccata dell’ormai noto ‘la prende Vecino!’. Al secondo turno, ancora una volta la squadra è andata sotto a Eindhoven per via del gol di Rosario, stavolta a raddrizzare il risultato prima Nainggolan e poi ancora il capitano Mauro Icardi. Solo al Camp Nou l’Inter non è riuscita a ribaltare lo svantaggio, ma si è immediatamente rifatta ieri sera a San Siro trovando a due dalla fine il solito goal decisivo di Maurito, ormai leader indiscusso della squadra. In sintesi, in Champions League l’Inter ha il 75% di rimonte portate a segno, 3 su 4 partite.

UN PAREGGIO A LONDRA – Tutte queste rimonte sono servite alla squadra di Spalletti per aggrapparsi al secondo posto nel girone, l’ultimo disponibile per qualificarsi agli ottavi. Tre sono i punti di vantaggio sul Tottenham, frutto della vittoria all’andata che potrebbe diventare decisiva. Infatti, con un pareggio a Londra i nerazzurri sarebbero qualificati per punti ottenuti negli scontri diretti se all’ultima giornata gli inglesi raggiungessero a pari punti l’Inter. Non solo, l’ultima giornata sembrerebbe favorevole ai nerazzurri che dovranno ospitare il Psv mentre il Tottenham dovrà vedersela col Barcellona. Insomma, gli ottavi non sono poi così lontani…