Mauro Icardi (Ansa)
Mauro Icardi (Ansa)

Milano, 7 aprile 2019 - Tutto pronto allo stadio Giuseppe Meazza per l'attesissima sfida tra i padroni di casa dell'Inter e l'Atalanta (in campo oggi, domenica 7 aprile, alle 18), match valevole per la 31esima giornata della Serie A 2018/19. Una partita importantissima, quella tra le due compagini nerazzurre, che mette in palio, oltre ai tre punti, la possibilità di ipotecare un piazzamento per la prossima Champions League. L'Inter occupa infatti al terzo posto a quota 56, ma l'Atalanta si trova a sole 5 lunghezze di distanza e con una vittoria potrebbe mettere nel mirino addirittura l'ultima piazza del podio proseguendo la rincorsa ad un posto nell'Europa che conta. I padroni di casa sono reduci dalla roboante vittoria esterna (0-4, ndr) col Genoa dove è andato in gol anche l'ex capitano della squadra, Mauro Icardi, finalmente ritornato dopo le tante polemiche. Vietato, però, sottovalutare la formazione ospite, gli uomini di Gasperini hanno infatti raccolto 13 punti nelle ultime 5 partite (frutto di quattro vittorie e un pari) e, nonostante l'assenza del bomber Duvan Zapata, potranno contare sull'estro di Ilicic, autore di una doppietta nell'ultima sfida con il Bologna.

Dove vederla in tv. La partita tra Inter e Atalanta è disponibile in esclusiva Sky ai canali Sky Sport Serie A (202) e Sky Sport 252. Per quanto riguarda lo streaming, è possibile assistere al match tramite il servizio Sky Go.

Queste le formazioni ufficiali:

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Skriniar, Miranda, Asamoah; Gagliardini, Brozovic; Politano, Vecino, Perisic; Icardi. All. Spalletti
Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Mancini, Djimsiti, Palomino; Hateboer, De Roon, Freuler, Castagne; Palasic; Gomez, Ilicic. All. Gasperini

Arbitro: Irrati di Pistoia. 

In tv: Sky Sport Serie A, Sky Sport 252

Sport oggi, dal calcio al basket: tutti i risultati live 

SPALLETTI: "CON L'ATALANTA SET POINT PER LA CHAMPIONS" - ''Con l'Atalanta set point per la Champions? Sì, è una gara massiccia, per l'importanza di classifica visto che l'Atalanta è ormai una concorrente diretta, stabilmente in alto in classifica, che per la fisicità che hanno. Sono belli non per caso''. Queste le parole dell'allenatore dell'Inter, Luciano Spalletti, alla vigilia della partita di campionato contro l'Atalanta. I bergamaschi ''Hanno mantenuto un'identità con Gasperini. Ora - ha proseguito il tecnico - avranno anche loro le complicazioni delle aspettative da rispettare, non sono più una rivelazione, sono una realtà. Si sono fatti apprezzare anche in Europa. Aspirano, ed è giusto così, ad entrare in questa competizione''. Per quanto riguarda l'undici titolare, Spalletti preferisce non sbottonarsi: ''In alcuni momenti non si dicono i titolari. Si fanno le cose per il bene dell'Inter. A volte si pensa che le risposte siano all'opposto ma in realtà hanno la stessa matrice per acchiappare il meglio per questi colori''. Qualche battuta è stata dedicata inoltre, come da previsione, al ritorno in campo di Mauro Icardi, avvenuto nella vittoria esterna con il Genoa: ''È stata un'opportunità per valutare che l'Inter è una squadra e non un singolo giocatore. La squadra ha reagito nella maniera giusta. Abbiamo fatto delle scelte e non si possono prendere decisioni diverse da quelle che si è. Fare 'Il bosco verticale', sarebbe fenomenale. Ma se non sei Boeri qualche problema viene fuori. Si fanno scelte coerenti''.

Il tecnico di Certaldo ha rivolto inoltre un appello ai propri tifosi, chiedendo loro di incitare la squadra per il rush finale alla rincorsa di un piazzamento nella prossima Champions League: ''L'Inter è di tutti quelli che la amano, che partecipano attivamente per sostenerla e sanno come comportarsi in generale. Io mi aspetto ci sia una volontà di andare ad aiutare la squadra, i colori, per fare risultato. L'avversario necessita di tutta la forza che possediamo per lottarci contro''. Battuta conclusiva, infine, per l'assenza di Duvan Zapata, bomber della squadra bergamasca che non ci sarà per squalifica: ''È giusto così visto che noi non abbiamo Lautaro''.