Kalidou Koulibaly, 28 anni (LaPresse)
Kalidou Koulibaly, 28 anni (LaPresse)

Napoli, 13 ottobre 2019 - Un po' in controtendenza con il resto delle squadre, al Napoli la sosta del campionato sorride: a sistemarsi è in particolare la difesa, che nelle ultime settimane è stata falcidiata da infortuni e squalifiche.

ESAME HELLAS PER LA RETROGUARDIA - Partendo da queste ultime, è infatti terminato lo stop imposto dal giudice sportivo a Kalidou Koulibaly, che ha scontato i due turni di riposo forzato ricevuti dopo il momento di follia nell'infausto match contro il Cagliari. In fin dei conti gli azzurri hanno ben superato l'esame dettato dall'assenza del senegalese, subendo un gol nelle due partite senza il leader di una retroguardia che si è ritrovata dopo un inizio di stagione da horror. Più che dei singoli il merito è stato del collettivo: basti pensare a come l'intero reparto ha ovviato al netto calo patito proprio da Koulibaly, che però alla vigilia della gara di Champions League contro il Genk aveva promesso a tutti di essere pronto a tornare sui suoi standard dopo una faticosa estate minata dalla Coppa d'Africa e da una conseguente preparazione deficitaria. Quale migliore test che l'imminente ripresa del campionato contro il sorprendente e insidioso Hellas Verona di Ivan Juric? Intanto, a maggior ragione durante l'assenza del senegalese, è cresciuta la condizione di Kostas Manolas, che nei suoi primi mesi in azzurro tuttavia ha convinto più nelle vesti di attaccanti (con due gol già messi a referto) che in quelle di difensore, ruolo nel quale si dimostra sempre più affidabile Sebastiano Luperto. Il prodotto del settore giovanile si è ritrovato inatteso protagonista a causa dell'infortunio - l'ennesimo della batteria di pedine arretrate - di Nikola Maksimovic, a sua volta pronto per tornare la prima alternativa alla coppia titolare.

LA ROMA SU HYSAJ - Non solo i centrali: anche la rosa dei terzini va man mano ricomponendosi innanzitutto con il pieno recupero di Mario Rui, mentre ci sarà ancora da aspettare per rivedere in campo Elseid Hysaj dopo la caduta shock contro il Torino, che ha lasciato in dote all'albanese "solo" una frattura allo sterno. Proprio l'ex Empoli è finito nel bel mezzo delle prime chiacchierate di mercato in vista della sessione di gennaio: la frattura (stavolta inteso in senso figurato) con il Napoli non si è mai saldata e quindi la Roma, a sua volta alle prese con una grave emergenza difensiva, si è già fatta avanti per il duttile laterale basso che, va ricordato, può agire sia a destra sia a sinistra.