Mauro Icardi
Mauro Icardi

Milano, 24 marzo 2019 – Questa sarà la settimana del rientro in gruppo di Mauro Icardi, o almeno questa è la sensazione dopo le parole di ieri del medico sociale dell'Inter Volpi. L’argentino ha curato il problema al ginocchio e ora si tratta solo di riacquistare un buon stato di forma, ma nel corso della prossima settimana dovrebbe riprendere gradualmente ad allenarsi con i compagni. Potrebbe essere convocato con la Lazio, senza però possibilità di giocare titolare.

ICARDI E I CROATI – Ci sarà chiaramente da valutare il reintegro di Maurito quando i croati Brozovic e Perisic, con cui i rapporti, secondo i rumors, non sarebbero buoni, rientreranno dalle nazionali. In ogni caso il contatto di Icardi con il gruppo sarà soft e graduale: le sue condizioni al momento non permettono sedute intere e su alti ritmi. Avanzerà e migliorerà a piccole dosi, ma probabilmente sufficienti per la convocazione con la Lazio, ultima squadra a cui Icardi ha segnato: era fine gennaio in Coppa Italia. Ma più di ogni altra cosa verrà tarata la reazione dello spogliatoio, soprattutto da parte di chi non è in splendidi rapporti con Maurito.

LAUTARO TITOLARE – Poi ci sono le scelte, e quelle spettano a Luciano Spalletti. Indipendentemente dalla convocazione o meno, contro la Lazio Mauro Icardi non sarà titolare. In primo luogo perché la condizione ancora non glielo consentirebbe, in seconda battuta perché ora le gerarchie sono cambiate e il connazionale argentino Lautaro Martinez si è guadagnato a suon di gol e prestazioni la maglia come centravanti. In sostanza, l’ex capitano dovrà riguadagnarsi il posto come i comuni mortali, senza alcun beneficio derivante dal suo passato nerazzurro. Quando sarà pronto in termini di condizione fisica dovrà poi dimostrare in allenamento che meriterà di scalzare Lautaro. E’ il rush finale di dieci partite per riconquistare la Champions, ma non è per nulla detto che Icardi sarà protagonista assoluto e, soprattutto, non è certo che il prossimo anno vestirà ancora la maglia nerazzurra.