Zlatan Ibrahimovic (ANSA)
Zlatan Ibrahimovic (ANSA)

Milano, 26 maggio 2020 – Il Milan tira un forte sospiro di sollievo. L’infortunio rimediato ieri mattina in allenamento da Zlatan Ibrahimovic si è infatti rivelato meno grave di quanto ipotizzato dopo una prima stima: gli esami strumentali a cui l’attaccante svedese si è sottoposto in queste ore hanno evidenziato una lesione al soleo del polpaccio destro. Escluso quindi un interessamento del Tendine d’Achille che quasi certamente avrebbe compromesso il prosieguo della carriera del trentottenne svedese.

Ora si attende una valutazione più approfondita dei tempi di recupero che verrà fatta tra una decina di giorni quando, come annunciato dal club, Ibra verrà sottoposto a nuovi controlli. Quasi certo, in ogni caso, uno stop di almeno quattro settimane che impedirà allo svedese – il quale comunque ha abituato tutti a clamorosi colpi di scena – di essere pronto per l’eventuale ripresa del campionato a metà giugno e che costringerà mister Stefano Pioli a reinventarsi il suo Milan, chiedendo gli straordinari ad Ante Rebic e Rafael Leao che al momento sono gli unici due attaccanti in rosa oltre allo svedese.