Lo scontro tra Ibra e Lukaku
Lo scontro tra Ibra e Lukaku

Milano, 6 febbraio 2021 – Febbraio di fuoco per l’Inter che in 12 giorni affronterà tre sfide che potrebbero determinare l’andamento dell’intera stagione. Si parte il 9 febbraio con il ritorno a Torino della semifinale di Coppa Italia con la Juventus, vincitrice all’andata 1-2, poi il 14 febbraio ci sarà la sfida di campionato con la Lazio e il 21 il derby Scudetto contro il Milan. Sull’Inter pende però la scure dell’alterco che ha coinvolto in Coppa Italia Zlatan Ibrahimovic e Romelu Lukaku su cui è stata aperta una inchiesta.

Ibra ascoltato, Lukaku tra pochi giorni


Ieri la Procura ha ascoltato in video conferenza Zlatan Ibrahimovic, il quale ha confermato le frasi carpite dai video e dagli audio dell’alterco, ma negando l’ipotesi razzista in violazione dell’articolo 28 (il famoso ‘little donkey’ o il riferimento ai riti voodoo). Diverso il discorso sull’articolo 39, relativo alla condotta antisportiva, ma in questo caso potrebbe scattare una squalifica di due giornate in Coppa Italia e tutto coinvolge anche l’attaccante dell’Inter. Per quanto riguarda Lukaku, l’interista sarà ascoltato nei prossimi giorni perché ieri impegnato nella trasferta di Firenze di campionato e anche lui dovrà difendersi dagli insulti recapitati allo svedese, in particolare un possibile ‘ti sparo in testa’ che sarebbe stato colto dagli audio e passibile di sanzione.

Il 21 c’è il derby


La paura, ovviamente, è relativa ad una possibile squalifica nel derby in programma il 21 febbraio. Anche l’arbitro Valeri è stato ascoltato, per comprendere meglio se avesse anche lui colto gli insulti tra i due, cosa che infatti non sarebbe avvenuta vista la squalifica di una sola giornata di gara in Coppa Italia, espulsione per lo svedese, ammonizione da diffidato per il belga, e così la giustizia sportiva può muoversi per giudicare un episodio che la quaterna arbitrale non ha colto direttamente. Ma considerando le tempistiche, ogni decisione e ogni provvedimento dovrebbe comunque scattare dopo il derby, che dunque si giocherebbe con Lukaku in campo. Come può chiudersi l’indagine? O con un nulla di fatto oppure con un deferimento, che aprirebbe nuovi scenari. Se ne saprà di più dopo l’audizione di Lukaku che avverrà nei prossimi giorni, difficile che il belga possa incorrere nella violazione dell’articolo 28, mentre per la condotta gravemente antisportiva l’Inter, ovviamente, trema, anche se una squalifica potrebbe essere riferita solo alla Coppa Italia.

Leggi anche - Cessione Inter, Marotta: "Speriamo arrivi una soluzione"