Ivan Ilic e Goran Pandev (Ansa)
Ivan Ilic e Goran Pandev (Ansa)

Verona, 19 ottobre 2020 - Hellas Verona e Genoa chiudono la quarta giornata di Serie A nel monday night e aprono la settimana che vedrà impegnate le italiane in Champions League. I veneti vanno vicini al gol in qualche occasione grazie agli spunti di Colley e Favilli, ma i liguri reggono. Il match si chiude sullo 0-0 e il Verona sale a 7 punti in classifica, Genoa fermo a 4.

Hellas Verona-Genoa 0-0, rivivi la diretta

Serie A, risultati e classifica

Primo tempo

Juric schiera il 3-5-2. Torna Lazovic sulla fascia sinistra, in attacco la coppia Colley-Favilli. Maran opta per un modulo speculare, anche se le assenze pesano sugli undici titolari scelti. In avanti Shomurodov e Pandev. Il primo squillo del match è dell'Hellas, che va alla conclusione dalla distanza con Ilic. Pallone rasoterra troppo debole che non impensierisce Perin. I padroni di casa giocano bene e tessono trame di gioco interessanti, ma il Genoa si difende con efficacia. I liguri vanno al tiro al 25', quando Rovella conquista una punizione dal limite e la calcia di poco sopra la traversa. I rossoblù si rendono sempre più pericolosi con il passare dei minuti. Al 32' Ghiglione innesca Pandev in profondità, Silvestri è attento e devìa in angolo. Sul contropiede Ibrahima Colley si inventa un coast-to-coast di oltre cinquanta metri con annessa conclusione da posizione angolata. Il portiere si distende e leva il pallone dall'angolino. I veneti continuano a spingere in questo finale di tempo. Favilli schiaccia di testa da posizione favorevole sugli sviluppi di un corner, Perin smanaccia fuori. 

Secondo tempo

Il Verona riparte all'attacco. Favilli combatte in area, trova un pertugio e ci prova con il sinistro; il portiere blocca a terra sul primo palo. Poco dopo tenta anche Colley dalla lunga distanza, ma con lo stesso risultato. E' ancora il classe 2000 a creare problemi a Perin, che dice ancora di no ad un tiro effettuato dall'interno dell'area. La gara cala notevolmente di intensità e le due squadre non riescono ad affondare con decisione verso la porta avversaria. All'84 Faraoni si inventa un colpo di testa da posizione complicatissima, ma l'estremo difensore genoano si tuffa e salva per l'ennesima volta i rossoblù. Kalinic tenta l'ultimo colpo nel recupero, ma il suo tentativo aereo finisce sul fondo.

Tabellino

HELLAS VERONA (3-5-2): Silvestri; Ceccherini, Lovato, Empereur (22'st Dimarco); Faraoni, Tameze (36'st Salcedo), Ilic, Vieira, Lazovic; Colley (36'st Zaccagni), Favilli (15'st Kalinic). In panchina: Berardi, Pandur, Di Carmine, Udogie, Ruegg, Amione, Ilie. Allenatore: Juric.

GENOA (3-5-2): Perin; Bani (24'st Goldaniga), Zapata, Masiello; Ghiglione, Badelj (34'st Behrami), Radovanovic, Rovella (34'st Ebongue), Czyborra; Pandev (34'st Parigini), Shomurodov (18'st Scamacca). In panchina: Paleari, Zima, Micovschi, Biraschi, Caso, Asoro. Allenatore: Maran. 

Arbitro: Rapuano di Rimini. 

Note: serata serena, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Badelj, Pandev, Tameze, Ghiglione, Goldaniga, Maran. Angoli: 14-2 per il Verona. Recupero: 2', 4'.

Leggi anche: Lazio, Inzaghi: "Dortmund fra le prime otto d'Europa, serve grande gara"