Haaland (ANSA)
Haaland (ANSA)

Dortmund, 11 aprile 2021 – Earling Haaland sta incantando l’Europa del pallone con i suoi numeri strabilianti che lo hanno reso assieme a Kylian Mbappé il prospetto probabilmente più interessante del continente a 21 anni non ancora compiuti e che lo hanno fatto finire nel mirino dei più grandi club europei con in testa Barcellona, Real Madrid e Paris Saint-Germain. Strapparlo al Borussia al Dortmund, almeno nella prossima finestra di calciomercato, sarà comunque tutt’altro che semplice: Hans Watzke, CEO del Dortmund, soltanto pochi giorni fa ha infatti ribadito la volontà dei gialloneri di trattenere il fuoriclasse norvegese almeno fino all’estate 2022, quando entrerà in vigore una clausola liberatoria da 75 milioni. Chi volesse accaparrarsi prima i servigi sportivi del giovane sportivo dovrebbe quindi mettere sul piatto una cifra non lontana dai 160 milioni di euro.

Le richieste di Raiola e l’incontro con Barcellona e Real

A complicare l’affare ci sarebbero poi le faraoniche richieste del vulcanico Mino Raiola: l’agente di Haaland, secondo quanto riferito dal tabloid Daily Star, avrebbe infatti richiesto alle squadre che puntano al giocatore un ingaggio monstre di circa un milione di sterline a settimana. Un prezzo decisamente alto da pagare anche per i club più blasonati del "Vecchio Continente" che devono fare i conti con una crisi finanziaria post-Covid e con i paletti del Fair Play Finanziario UEFA che non è ancora stato rivoluzionato. Raiola comunque non resta con le mani in mano e nelle scorse settimane, assieme al padre di Haaland, ha incontrato i vertici di Barcellona e Real Madrid con l’intento di verificare il loro concreto interesse nei confronti del ragazzo. Per ora si è trattato di incontri puramente esplorativi ma non è detto che nei prossimi mesi le acque possano muoversi in maniera più decisa.

Leggi anche - Darmian lancia l'Inter: 1-0 al Cagliari e undicesima vittoria di fila