Gabbiadini esulta dopo il gol (LaPresse)
Gabbiadini esulta dopo il gol (LaPresse)

Genova, 14 dicembre 2019 – A Marassi va in scena il derby della Lanterna tra Genoa e Sampdoria, anticipo della sedicesima giornata di Serie A. Va in scena una partita maschia, rude, condita da tanti falli e diverse ammonizioni, che lascia poco spazio al bel calcio e alle occasioni da gol. A sbloccare la gara ci pensa Gabbiadini al minuto 85 con un gran sinistro rasoterra, che decide l’esito finale del match. I rossoblù di Thiago Motta escono sconfitti e si ritrovano penultimi in classifica con soli 11 punti. La Samp di Ranieri conquista tre punti preziosi dal punto di vista del morale e che portano i blucerchiati a quota 15.

Genoa-Sampdoria 0-1, rivivi la diretta

Serie A live, le partite di oggi

PRIMO TEMPO – Thiago Motta, privo di Favilli, Sturaro, Pandev e Agudelo tra gli altri, schiera per il Genoa un 3-5-2 con in attacco Sanabria e Pinamonti. Ranieri opta per un solido 4-4-1-1, Ramirez a supporto del faro offensivo Quagliarella. Gara che si gioca ad altissima intensità ed evidenzia le qualità fisiche delle due compagini. Il Grifone tenta di impostare il gioco da dietro, si affida al possesso di palla e alla qualità dei propri centrocampisti, mentre la Doria agisce di rimessa. Numerosi falli da una parte e dall’altra, il gioco piuttosto spezzettato non favorisce lo spettacolo. La prima frazione si chiude senza alcuna conclusione pericolosa verso le due porte, ventuno falli totali e tre ammonizioni a referto.

SECONDO TEMPO – Il match prosegue sulla falsa riga del primo tempo. Grande corsa, contrasti duri, tanto timore di perdere e zero opportunità da gol. La prima conclusione della partita arriva al minuto 69. Radovanovic calcia direttamente verso la porta di Audero una punizione da posizione molto defilata, che il portiere della Sampdoria respinge con i pugni. La seconda chance è ancora a favore dei rossoblù e nuovamente da calcio piazzato. Sanabria prova da circa venti metri, ma il pallone finisce sulla gradinata nord. I blucerchiati sbloccano il risultato a sorpresa al minuto 85. Ghiglione perde un brutto pallone sulla trequarti, Linetty si invola verso l’area avversaria e serve centralmente Gabbiadini che arriva a rimorchio. L’attaccante doriano, subentrato nel secondo tempo, calcia di prima col sinistro e fulmina Radu con un rasoterra sul primo palo. Il Genoa si sbilancia e lascia ampi spazi ai rivali, che si rendono ancora insidiosi con Caprari all’87’. Due minuti dopo Pinamonti tenta una rovesciata spettacolare per riequilibrare il match, ma il pallone si spegne lontano dai pali presidiati da Audero. L’arbitro fischia la fine delle ostilità dopo quattro minuti di recupero, sul punteggio di 1-0 a favore della Sampdoria.

Serie A, risultati e classifica

Tabellino

Genoa (3-5-2): Radu; Biraschi, Romero, Criscito (43' st Cleonise); Ghiglione, Schone (21' st Jagiello), Radovanovic, Cassata, Pajac (21' st Ankersen); Sanabria, Pinamonti. In panchina: Jandrei, Marchetti, El Yamiq, Favilli, Goldaniga, Rovella, Sturaro. Allenatore: Thiago Motta.

Sampdoria (4-4-1-1): Audero; Thorsby, Ferrari, Colley, Murru; Depaoli, Vieira, Ekdal (46' pt Murillo), Linetty; Ramirez (30' st Gabbiadini); Quagliarella (30' st Caprari). In panchina: Seculin, Falcone, Leris, Chabot, Augello, Regini, Rigoni, Maroni. Allenatore: Ranieri.

Arbitro: Doveri di Roma. 

Rete: 40' st Gabbiadini. Note: serata serena, terreno in discrete condizioni. Ammoniti: Ghiglione, Cassata, Vieira, Criscito, Ramirez, Colley, Romero, Cleonise. Angoli: 4-2. Recupero: 3'; 4'.