Borini esulta dopo il gol (Lapresse)
Borini esulta dopo il gol (Lapresse)

Genova, 21 gennaio 2019 - Genoa e Milan, alleate sul mercato ma avversarie in campo. Definito l'affare Piatek che verrà ufficializzato domani per motivi di tempistiche, le squadre si sono affrontate a Marassi nel posticipo del lunedì giocato alle 15 per decisione del ministero dell'interno.

Genoa-Milan 0-2, rivivi qui la diretta testuale

Serie A, risultati e classifica

Solo in tribuna il centravanti polacco, squalificato dopo l'ultima partita, ma il Genoa parte forte e sembra non risentire della sua assenza. Ottimo primo tempo rossoblu con buone trame soprattutto in verticale con Pandev e Bessa che riescono a portare palloni pericolosi davanti alla porta di Donnarumma. Proprio il macedone, sostituto diretto di Piatek in campo, ha l'occasione più ghiotta del primo tempo con un uno-due combinato molto bene in area che lo porta a calciare addosso al portiere rossonero, bravo anche su Lazovic poco dopo. Per il Milan quasi nulla ma il finale lascia ben presagire con una bella conclusione dalla distanza di Paquetà che esce di poco.

Nella ripresa tutto un altro Milan che prima sfiora il vantaggio con Borini, bravo con un tiro di sinistro a costringere Radu a una super parata, ma poi rischia anche per un errore di Paquetà di regalare in contropiede la palla del vantaggio al Genoa.

Il gol arriva proprio con Borini che sfrutta l'ottimo assist di Conti (entrato al posto dell'infortunato Zapata) per spingere da pochi passi il pallone in porta. Milan che così si costruisce ampi spazi dove fare male e aspetta che il Genoa si sbilanci per colpire in ripartenza: il raddoppio arriva proprio così, con un buco lasciato da Criscito in cui si fionda Suso, bravissimo in contropiede a prendere le misure a Romero e Radu per segnare in diagonale il raddoppio rossonero.

Il Genoa soffre ma non esce dalla partita tanto che nell'arco dei secondi quarantacinque minuti trova importanti occasioni con una traversa colpita dalla distanza da Veloso e con un errore di Bessa da pochi passi su una respinta corta di Donnarumma. Il Milan torna così in zona Champions League superando la Roma, mentre il Genoa si ritrova a +6 sul terzultimo posto.

 

Tabellino

Genoa (3-5-2): Radu 6; Biraschi 6 (31'st Pedro Pereira 5.5), Romero 5.5, Zukanovic 5.5; Criscito 6, Lazovic 5, Rolon 5, Veloso 6 (39'st Dalmonte sv), Bessa 5.5; Pandev 5.5 (13'st Favilli 6), Kouame 5.5. In panchina: Russo, Vodisek, Gunter, Lisandro Lopez, Pezzella, Lakicevic, Romulo. Allenatore: Prandelli 6. 

Milan (4-3-3): G.Donnarumma 7; Abate 6, Musacchio 6.5, Zapata sv (14'pt Conti 6.5), Rodriguez 6; Paqueta' 6.5, Bakayoko 7, Calhanoglu 5.5 (34'st Mauri sv); Suso 6.5 (43'st Castillejo sv), Cutrone 6, Borini 6.5. In panchina: Reina, A. Donnarumma, Simic, Strinic, Laxalt, Bertolacci, Montolivo, Torrasi, Tsadjout. Allenatore: Riccio (Gattuso squalificato) 6. 

Arbitro: Orsato di Schio 6. 

Reti: 27'st Borini, 38'st Suso. NOTE: pomeriggio sereno, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Romero, Rolon, Zukanovic, Borini, Cutrone e Paqueta'. Angoli: 6-4 per il Milan. Recupero: 2', 3'.