Calcio

Se non è un miracolo, poco ci manca. Un'incredibile parata di Donnarumma su Milik ferma il Napoli a San Siro e consente al Milan di salvare un prezioso punticino in classifica. Siamo al 92esimo, quando l'attaccante polacco riceve un assist di testa da Insigne, a pochi metri dal portiere rossonero. La posizione è regolare, Milik controlla e riesce pure ad angolare il tiro. Ma Donnarumma si distende e con la sua impressionante 'apertura alare' tocca la palla in calcio d'angolo. Finisce 0-0: lo stop del Napoli potrebbe far calare i titoli di coda sul campionato, con la Juve ormai in fuga. "Non so se sia la parata scudetto perché mancano ancora molte partite e auguro al Napoli di giocarsela fino alla fine - dice il portiere della Nazionale al termine del match - . È stata una bella parata all'ultimo secondo, non ho pensato agli avversari, ho esultato per la parata", aggiunge il numero uno rossonero. "Io continuo a lavorare e a dare sempre tutto come ho sempre fatto", dice. Le sirene di mercato lo vogliono in partenza. "Fa piacere fare queste parate ma di mercato non so niente - taglia corto Gigio -. Io penso solo a lavorare e a dare il massimo per questa maglia. Per il mercato ci penseranno il mio agente e la società". E ancora: "Reina degno di farmi da secondo? Questo non lo so. Gli faccio i complimenti perché è un grandissimo portiere, ha dato tanto al calcio e lo darà ancora per molto tempo. Questa parata come quella di Dida nel 2003 contro l'Ajax? L'ho vista molte volte quella parata, si stavano giocando la Champions e credo che la sua parata sia stata più difficile". Donnarumma incassa i complimenti 'interessati' di Giuseppe Marotta, ad della Juve.  "Ha fatto una grandissima parata, ma non mi stupisce perché considero Gigio il degno successore di Buffon e lo dico da tempo".  Poi chiarisce: "Donnarumma è un patrimonio del Milan, della Nazionale e del nostro calcio, sono contento che l'Italia possa esprimere un portiere di questo livello".

Sport Tech Benessere Moda Magazine