Calcio

Il Napoli batte la Juventus a Torino e risale a -1 dalla vetta riaprendo la corsa scudetto. La vittoria arriva quando il cronometro è vicino al rosso, ma è una vittoria meritata, alla fine, perchè il Napoli l’ha cercata, voluta, preparando bene la sfida a livello mentale e mettendo in campo tutto. La squadra ha alternato la grinta alla ricerca di diagonali, imbucate e tempi di gioco, rischiando zero e beffando chi pensava di portarla a casa puntando solo sulla gestione del +4 in classifica. Ora, a fare la differenza saranno i nervi saldi e l’entusiasmo. 

Serie A, i risultati della 34esima giornata. Classifica, gol e marcatori

La Juventus parte contratta nei primi 10-15 minuti, poi alza la voce e il baricentro, anche se nel complesso il primo tempo è all’insegna della prudenza, reazione (volontaria) alla sicurezza dei 4 punti di vantaggio. Il problema è che i bianconeri replicano con la stessa inerzia anche la ripresa, quando il Napoli dà tutt’altro che l’idea di poter fare male. L’eccesso di difensivismo viene così punito dalla zuccata prepotente di Koulibaly

Le pagelle a cura di GIANMARCO MARCHINI (Juventus) e PAOLO FRANCI (Napoli)

Sport Tech Benessere Moda Magazine