Firenze, 13 gennaio 2021 – Soffrendo e spremendo energie che non avrebbe voluto spendere, l’Inter approda ai quarti di finale di Coppa Italia. Sono serviti i supplementari per avere la meglio sulla Fiorentina, vantaggio di Vidal su rigore, pareggio di Kouame per l'1-1 al 90', poi l’ingresso di Lukaku è stata la mossa vincente con una zuccata a due minuti dal 120’. Ai quarti sarà derby.

Polemiche e Var

Confermate le indiscrezioni della vigilia, c’è Eriksen in versione regista basso, Young e Perisic esterni, Lautaro e Sanchez in attacco. Deve invece abdicare Sensi per un problema nel riscaldamento, al suo posto Vidal. Nella Fiorentina Kouame è la prima punta, dietro di lui Eysseric e Bonaventura a supporto. L’inizio di partita vive di un pressing offensivo viola, ma i nerazzurri riescono a trovare trame interessanti, in una di queste Vidal serve Lautaro ma Castrovilli salva tutto. Non è una partita spettacolare ma sul finire del primo tempo l’Inter ha l’occasionissima, Eriksen scalda le mani di Terracciano, si inserisce Sanchez che colpisce il palo da buona posizione con un contatto con il portiere. Seguono proteste per un presunto rigore, Massa viene richiamato al video e alla fine assegna la massima punizione. Vidal trasforma centralmente, 0-1 al 40’. Tempo un minuto e la viola si riversa nell’altra metà campo, arriva la caduta di Kouame in area dopo contatto con Skriniar, che però prende palla, con l’arbitro che assegna il rigore. Ancora proteste, ancora Var, ancora una decisione da cambiare: Massa corregge e non concede il penalty.

Decide Lukaku

La ripresa si apre con il possibile colpo del ko dell’Inter. Perisic ruba in fascia e smarca Lautaro che tutto solo calcia incredibilmente a lato. Prandelli, con i suoi che dalle parti di Handanovic si sono visti poco, sceglie di provare a cambiare le cose con Vlahovic e Venuti. I cambi danno brio alla Fiorentina che infatti trova il pari al 56’ quando sugli sviluppi di un corner Kouame azzecca la stoccata dal limite per l’1-1. Gol sbagliato, gol subito. Mai frase fu più azzeccata. Anche Conte tenta la carta dei cambi, dentro Lukaku e Hakimi per scardinare una partita che si è complicata e proprio i neo entrati confezionano una bella occasione che il marocchino di esterno destro calcia di pochissimo a lato. Al 79’ altra grande chance, stavolta è Sanchez a sprecare il tap in su invitante servizio di Perisic. Dalla parte viola si registra una botta di Bonaventura sventata da Handanovic, ma l’indirizzo sono i supplementari e così accade. Al 101’ c’è una sgroppata di Hakimi per la testa di Sanchez, Terracciano è pronto. Ci prova anche Eriksen, ma il tiro è poco angolato. La naturale destinazione pare avviata verso i rigori, ma al 119’ Barella disegna il cross perfetto per un Lukaku inspiegabilmente indisturbato a centro area, zuccata vincente per il passaggio del turno. L’Inter dunque approda ai quarti dove affronterà il Milan in un derby dal cuore caldo. Intanto domenica c’è la Juventus.

Leggi anche - Supercoppa, Juve-Napoli confermata il 20 gennaio