Bartlomiej Dragowski (Ansa)
Bartlomiej Dragowski (Ansa)

Firenze, 25 gennaio 2020 - Fiorentina e Genoa si affrontano nell'anticipo delle ore 18 del sabato, valido per la 21esima giornata di Serie A. Milenkovic colpisce una traversa all'8', Dragowski para un rigore a Criscito al minuto 15. Il portiere viola sventa diversi pericoli e diventa l'uomo-partita di un match che si conclude a reti bianche. La Fiorentina sale a quota 25 punti in classifica, mentre il Genoa rimane in fondo a 15, alla pari con il Brescia.

PRIMO TEMPO - Iachini schiera la sua Fiorentina con il 3-5-2. Dragowski difende i pali, Chiesa e Cutrone costituiscono il tandem offensivo. Nicola sceglie un modulo speculare, davanti il duo Favilli-Pandev. I viola aggrediscono alto e mettono subito sotto pressione la difesa avversaria. Milenkovic colpisce la traversa di testa sugli sviluppi di un corner al minuto 8. Gli ospiti si procurano un calcio di rigore alla prima sortita offensiva della propria gara. Favilli controlla bene un lancio lungo dalla difesa e Pezzella lo atterra ingenuamente da dietro. Criscito calcia troppo centrale e Dragowski respinge con i piedi. Si rimane sullo 0-0 al quarto d'ora. Nonostante l'errore dal dischetto, gli uomini di Nicola alzano il baricentro e prendono coraggio. Favilli sfiora il palo dai diciotto metri al 22' con una conclusione troppo larga. La risposta della Fiorentina è affidata ai piedi di Cutrone, che in contropiede incrocia dal centro-destra e manca la porta di pochi centimetri. Chiesa prova a scatenarsi: prima strozza troppo il destro sul primo palo, poi al 33' si accentra da sinistra e calcia dai venti metri. Anche in questo caso il pallone si spegne a lato di un metro. La prima frazione di gioco si chiude sul punteggio di parità. 

SECONDO TEMPO - I padroni di casa cominciano la ripresa esattamente come avevano iniziato il primo tempo. Grande intensità e potenziali occasioni non fruttano agli uomini di Iachini, che non trovano lo specchio della porta. Nel Genoa Schone calcia alta una punizione dalla distanza al 62'. I ritmi si abbassano le opportunità da gol latinano. La chance migliore per sbloccare la partita se la crea da solo Chiesa, che ruba palla sulla trequarti, punta la porta e calcia appena entrato in area. Perin è reattivo sulla conclusione deviata dal difensore e vola per sventare la minaccia, smanacciando il pallone in angolo al 79'. A sei minuti dal termine il Grifone sfiora il gol per due volte. Prima Milenkovic rischia un clamoroso autogol su un cross deviato da Ghiglione e il portiere salva tutto. Sul calcio d'angolo successivo è ancora Ghiglione a mettere il pallone sulla testa di Biraschi, che gira a botta sicura trovando nuovamente il riflesso di Dragowski. All'89' Pinamonti si divora la rete del vantaggio. L'attaccante genoano si invola verso la porta dopo un lancio dalle retrovie e in uno contro uno va a sbattere contro l'estremo difensore viola, che per l'ennesima volta evita il gol dello svantaggio per i suoi. La gara termina sul punteggio di 0-0.