Pezzella segna il gol dell'1-1 (Ansa)
Pezzella segna il gol dell'1-1 (Ansa)

 

Firenze, 22 giugno 2020 - Finisce 1-1 il match del “Franchi” tra Fiorentina e Brescia. I gol entrambi nel primo tempo: al 17’ Donnarumma, dal dischetto, porta avanti le rondinelle, mentre al 29’ Pezzella, in tuffo di testa dopo un corner calciato da Pulgar, batte Joronen. Nella ripresa, la Viola si divora diverse palle gol e non riesce ad operare il sorpasso. Da segnalare anche le reti annullate a Ribery (fuorigioco di partenza di Vlahovic) e allo stesso attaccante numero 28 (al momento del cross di Chiesa la palla era fuori dal campo). Inoltre, i toscani restano in 10 uomini per l’espulsione di Caceres per doppia ammonizione e nell’occasione si fa espellere anche Iachini per proteste. Con questo pareggio, Chiesa e compagni toccano quota 31 e mantengono +6 sul terzultimo posto; al contrario, le rondinelle arrivano a 17 punti e restano ancorati all’ultimi posto, momentaneamente a -8 dalla salvezza.

Cronaca. Termina 1-1 il primo tempo tra Fiorentina e Brescia. Ritmo lento nel primo quarto d’ora, poi al 17’ arriva la svolta del match: Dessena viene steso in area di rigore da Caceres e La Penna decreta un calcio di rigore per il Brescia. Dal dischetto Donnarumma è perfetto e le rondinelle passano in vantaggio. Subìto il gol, la Fiorentina prova a rendersi pericolosa al 19’, ma il tentativo di Chiesa non trova il bersaglio grosso. Altri 2’ e lo stesso numero 25 è pericoloso, Joronen evita problemi ai suoi e respinge. Otto giri d’orologio e la Fiorentina perviene all’1-1: Pezzella, con un preciso colpo di testa in tuffo, sfrutta il preciso assist di Pulgar da calcio d’angolo. Nel finale di tempo, i padroni di casa per poco non raddoppiano: il tiro sbilenco di Pulgar si trasforma in un assist per Vlahovic, che in spaccata manda al lato.

Nel secondo tempo la Fiorentina tenta in tutti i modi di trovare il gol vittoria, ma il risultato di 1-1 resta scolpito nel tabellino. Il primo squillo della ripresa è di marca ospite: Dragowski è attento e respinge il destro di Skraab. Da qui in poi salgono in cattedra gli uomini di Iachini. Al 50’ Ribery sigla il 2-1, ma il gol viene annullato per un precedente fuorigioco di Vlahovic. Altri 3 minuti e lo stesso Vlahovic sigla il 2-1, la rete viene annullata perché il pallone era oltre la linea al momento del cross di Chiesa. La Viola continua il suo pressing e sfiora a ripetizione il vantaggio: al 60’ il diagonale di Chiesa finisce di poco sul fondo, al 63’ Papetti salva sulla linea la conclusione di Ribery e al 68’ Joronen, con il piede, si supera su Vlahovic. Sessanta secondi e gli uomini di Iachini vanno ancora ad un passo dal gol del 2-1, il tiro di Lirola, deviato, termina fuori non di molto. Nonostante l’espulsione di Caceres (doppia ammonizione per fallo su Torregrossa; nell’occasione viene allontanato anche Iachini), i Viola continuano a collezionare occasioni per raddoppio: al 76’ Pezzella di testa colpisce la traversa, mentre all’80’ Chiesa, da posizione defilata, spedisce sull’esterno della rete. Al 91’ ancora padroni di casa pericolosi, il tiro piazzato di Castrovilli si spegne sul fondo. Nel finale Dragowski è miracoloso sul colpo di testa di Dessena ed evita la beffa ai suoi. Con questo pareggio, gli uomini di Iachini toccano quota 31 e mantengono 6 punti di vantaggio sulla zona rossa, quelli di Lopez restano ultimi con 17 e la salvezza si fa sempre più ardua.

 

Tabellino

Fiorentina-Brescia 1-1 17’ rig. Donnarumma (B), 29’ Pezzella (F)

Fiorentina (4-3-3): Dragowski; Caceres, Ceccherini, Pezzella, Dalbert (46’ Lirola); Castrovilli, Pulgar, Duncan (67’ Ghezzal, 73’ Milenkovic); Chiesa (92’ Sottil), Vlahovic, Ribery (92’ Cutrone). Allenatore: Giuseppe Iachini

Brescia (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Papetti, Mateju, Semprini (84’ Martella); Bjarnason (55’ Romulo), Tonali, Dessena; Zmrhal (66’ Spalek); Skrabb (55’ Torregrossa), Donnarumma. Allenatore: Diego Lopez

Ammoniti: Ceccherini, Dalbert, Chiesa (F); Papetti, Semprini, Spalek, Torregrossa(B)

Espulso: Caceres (F) al 70’ per doppia ammonizione

Arbitro: Sig. Federico La Penna