Fabian Ruiz (Ansa)
Fabian Ruiz (Ansa)

 

Napoli, 8 giugno 2021 - Via Fabian Ruiz, dentro Toma Basic: il centrocampo del futuro del Napoli comincia ad assumere nuovi connotati, specialmente ora che per il jolly spagnolo inizia a farsi seriamente sotto il Barcellona.

Niente contropartite

 Il club catalano è a caccia di un rinforzo di qualità per la linea mediana e la prima scelta era rappresentata da Georginio Wijnaldum: l'inserimento del Paris Saint-Germain (e in particolare del ricco triennale offerto all'olandese) ha guastato i piani dei blaugrana, che però non si sono persi d'animo e hanno subito virato su colui che rappresenta qualcosa in più di un ripiego. Soprattutto per i costi: consapevole delle difficoltà di un mercato in cui verosimilmente gireranno pochi soldi, Aurelio De Laurentiis non ha (ancora?) stabilito una cifra fissa come base d'asta per Fabian, ma la certezza è che dovrà trattarsi di una somma di tutto rispetto e, possibilmente, solo cash. Tramonta così sul nascere l'idea di uno scambio tra il cartellino dell'ex Betis e quello di Miralem Pjanic, uno che con Luciano Spalletti ha fatto faville. Gli anni però passano per tutti: anche per il bosniaco, che oltretutto percepisce un ingaggio troppo pesante per un club, quello partenopeo, che proprio ora sta attuando una politica di abbattimento delle spese interne. In caso di effettiva cessione di Fabian Ruiz dunque meglio virare su un profilo più giovane, fresco e, perché no, economico: pure a costo di deludere le aspettative di quella fetta di tifosi che ogni estate sogna il cosiddetto nome grosso.

I dettagli dell'affare Basic

 Basic per il momento rimanda la mente più che altro a un celeberrimo film e il ruolo in campo del giocatore in effetti rispecchia anche le analogie. In realtà il croato può essere schierato sia come mediano sia in posizione più avanzata: praticamente una sorta di Fabian in erba. I primi contatti tra le parti hanno dato esito positivo: il classe '96 avrebbe fornito il suo assenso al trasferimento all'ombra del Vesuvio e anche il Bordeaux, suo club di appartenenza, non si è mostrato indifferente davanti alle offensive del Napoli. I nodi tuttavia non mancano: la partita si gioca in particolare sulla formula, con i francesi che spingono per una cessione a titolo definitivo e i partenopei che invece preferirebbero un prestito con obbligo di riscatto per dilazionare il pagamento. Pagamento che dovrebbe ammontare a una cifra compresa tra gli 8 e i 10 milioni: insomma, niente di trascendentale per un giocatore che potrebbe rivelarsi un ottimo sostituto di Fabian.

Leggi anche - Napoli, per Osimhen alle porte la stagione della verità