Un momento di Ucraina-Macedonia del Nord
Un momento di Ucraina-Macedonia del Nord

Andrij Shevchenko trova la sua prima vittoria da allenatore in un grande torneo: la sua Ucraina batte la Macedonia del Nord e torna a sperare nella qualificazione agli ottavi di finale. Un risultato che per ora li mette assieme a Olanda e Austria, che si affronteranno più tardi, in testa al girone, con i macedoni costretti a sperare di fatto solo in un miracolo di combinazioni per poter centrare l'insperato traguardo degli ottavi di finale

Primo tempo tutto ucraino

La prima metà di gioco vede un grande avvio dell'Ucraina: i ragazzi di Sheva, che non avevano demeritato contro l'Olanda nella sconfitta per 3-2, hanno riproposto i temi migliori della scorsa gara, aggiungendo però anche una solidità difensiva che a tratti era mancata. E infatti all'intervallo la situazione era decisamente positiva: vantaggio di due gol, con partita messa sostanzialmente in cassaforte. Il primo gol è arrivato subito dopo un corner di Malinovskiy, dove Karavaev ha prolungato di tacco sul secondo palo per Yarmolenko che da pochi metri non ha potuto sbagliare. Poi il raddoppio appena cinque minuti dopo con Yaremchuk che sull'assist di prima del solito Yarmolenko trova una gran conclusione sul primo palo che Dimitrievski non riesce a prendere.

 

Illusione Macedonia

Nella ripresa però la Macedonia trova modo di reagire e mette alle strette l'Ucraina. La gara si riapre con un calcio di rigore fischiato da Rapallini per un fallo netto su Goran Pandev vicino all'incrocio delle righe: dal dischetto però non va il giocatore del Genoa, ma Alioski che prima si fa ipnotizzare da Bushchan e poi segna al volo a porta vuota sulla respinta. La Macedonia era andata vicina al gol anche subito prima del rigore con una traversa colpita da Trajkovski e in generale dava l'impressione di essere ancora in partita. Solo che con il passare dei minuti sono terminate le forze e l'Ucraina va più vicina a segnare il terzo gol che a subire il pareggio. L'occasione del terzo gol arriva su rigore per un fallo di mano di Avramovski, ma anche Malinovskyi dal dischetto non è perfetto e Dimitrievski riesce a respingere senza ridare la disponibilità del pallone agli avversari. ora si attende i risultato di Olanda-Austria per fare un bilancio finale dopo due giornate di questo Gruppo C, dove la seconda affronterà la prima del girone dell'Italia.

Leggi anche - La favola di Di Lorenzo