I tifosi dell'Italia a Roma dopo la vittoria con la Svizzera
I tifosi dell'Italia a Roma dopo la vittoria con la Svizzera

Tredici milioni di spettatori davanti alla tv per la partita tra Italia e Svizzera. Il match ha stravinto gli ascolti della prima serata con il 51,9 per cento di share e 13.346.000 telespettatori, superando Italia-Turchia dell`inizio di Euro 2020 che aveva fatto, sempre su Rai1, 12.749.000 telespettatori e il 50,7 per cento. Gli italiani hanno voglia di Italia e questa è già una notizia. Vincere aiuta a vincere, va detto. Ma questa Nazionale sta facendo registrare numeri da capogiro che non fanno parte solo di questa fase finale degli Europei.

Con la vittoria per 3-0 contro la Svizzera sono 29 i risultati utili consecutivi - a uno solo dai 30 della Nazionale di Vittorio Pozzo nei gloriosi anni Trenta - e ben dieci le partite consecutive senza subire reti. E se dovesse succedere anche nella prossima partit, Mancini eguaglierebbe il record di... Mancini, visto che è lo stesso ct a non aver subito gol con la Nazionale azzurra per 11 gare di fila. Una Nazionale la cui vittoria degli Europei era quotata a 10 solo pochi giorni prima del via del torneo e ora, dopo il successo con la Svizzera è fra le favoritissime a 6.

Una Nazionale in cui più che le giocate di classe - la stella di Insigne nel match con gli elvetici non ha mai brillato - a dominare sono la grinta di Barella, l'espressione sognante a occhi chiusi di Chiellini ogni volta in cui risuonano le prime note dell'Inno di Mameli in campo, la spavalda visione di gioco di Locatelli, la sicurezza di Donnarumma, la "faccia cattiva" di Bonucci, la pacatezza di Chiesa, l'ostinazione di Immobile. Questa Italia ha carattere. "C'è qualcosa nell'aria, lo dico da tempo. Si sente un'aria diversa fra noi in questi Europei" ha commentato nel post partita con la Svizzera il difensore Francesco Acerbi, uno che di carattere e di battaglie vinte se ne intende parecchio. Già, quella "aria diversa" si percepisce anche fra i tifosi. Tricolori ai balconi, nelle piazze, tv accese sulle partite: quelle di questi Europei assomigliano tanto a vere "Notti magiche".