Phil Foden nella semifinale con la Danimarca (Ansa)
Phil Foden nella semifinale con la Danimarca (Ansa)

"Vincere il Mondiale nel 1966 è stato un risultato fantastico come squadra, come nazione. I tifosi sono sempre con noi: a ogni torneo ci hanno sempre supportato, ora abbiamo l'opportunità di fare ancora di più la storia". Alla vigilia della finalissima di Euro 2020, gli inglesi sognano di conquistare il loro primo titolo continentale, peraltro in casa, nel tempio di Wembley. L'attesa è spasmodica a Londra. Sale la febbre per la sfida con l'Italia, in occasione della quale uno dei grandi protagonisti annunciati sarà Harry Kane, finora a segno con quattro reti, una in meno rispetto ai capocannonieri RonaldoSchick. "I nostri genitori, i nostri familiari non hanno mai visto l'Inghilterra in una finale europea prima d'ora. Per noi è la prima volta e sarà un momento davvero speciale - le parole dell'attaccante del Tottenham - Se possiamo finire il nostro lavoro e vincere, verremo ricordati per il resto delle nostre vite". 

Sfida con Bonucci-Chiellini

Per riuscirci, Kane e compagni dovranno avere la meglio anche di una delle coppie di difesa migliori del torneo come quella composta da Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini. "Sono grandi difensori. Leggono il gioco e hanno un ottimo senso della posizione, naturalmente sono preoccupato - dice il classe '93 - Ma sarà una bella battaglia". Uno stimolo in più per il bomber inglese. "E' questo il motivo per cui si gioca a calcio. Daranno il 100% per vincere, ma per noi sarà lo stesso. Speriamo vinca il migliore, io non vedo l'ora di giocare. Se vuoi essere il miglior attaccante, devi scontrarti con i migliori. E questo sarà il caso di domenica"

Giallo Foden

Phil Foden, centrocampista dell'Inghilterra, ha saltato l'allenamento di oggi.  Il 21enne giocatore del Manchester City è stato l'unico assente dal gruppo di Gareth Southgate dopo aver subito "un piccolo trauma", secondo la Football Association. Non è stato chiarito se Foden sia in dubbio per la partita.

Leggi anche: Gli ultimi dubbi di formazione di Mancini e Southgate