Gigio Donnarumma è stato votato miglior giocatore degli Europei
Gigio Donnarumma è stato votato miglior giocatore degli Europei

Gigio mette le mani sulla coppa.

Il portierone neo acquisto del Psg esulta per il suo primo trofeo internazionale e per il premio di miglior giocatore della competizione : "Sappiamo da dove siamo partiti, siamo una squadra fantastica ci meritiamo tutto questo". E ancora sul paragone con una leggenda come Gigi Buffon:" Gigione è il più forte di tutti, io cerco solo di farmi trovare pronto e dare una mano alla squadra, lui è il numero uno, poi vedremo dove arriverò io" 

L'estate del portiere rossonero non è stata sicuramente delle più facili. Arrivato in ritiro a Coverciano senza squadra, in molti pensavano che l'addio travagliato dal Milan potesse in qualche modo turbare l'Europeo del portiere azzurro. Gigio invece sin dal primo giorno è stato sempre sul pezzo, concentrato in allenamento, attento ai dettagli. Ha dimostrato una maturità ben superiore a quella di un pari età. Perché è sempre bene ricordarlo: Gigio è nato nel '99. Nonostante abbia più di cento presenze con i rossoneri e sia il titolare della porta della Nazionale. Ci troviamo davanti a uno dei portieri più forti del mondo che, con i suoi 22 anni può puntare a entrare nella storia del calcio italiano, senza temere l'ombra di mostri sacri come Gigi Buffon e Dino Zoff.  

Nella fase a girone il 21 di Castellammare di Stabia non è mai stato molto impegnato, ma a partire dalla fase ad eliminazione diretta è diventato una pedina chiave nei successi deli azzurri. Dopo qualche critica per il gol subito da Arnautovic nell'ottavo contro l'Austria, Gigio ha abbassato la saracinesca della porta e si è guadagnato di diritto il titolo di portiere del torneo. A partire dai quarti di finale, quando la sua parata su De Bruyne ha fatto strabuzzare gli occhi a mezza Europa. Poi la partita contro la Spagna, dove ha ipnotizzato Morata per portare gli azzurri in finale. E in fine, i tre due rigori decisivi parati nell'atto finale della manifestazione, quando l'errore del solitamente impeccabile Jorginho aveva fatto perdere l'ottimismo ad un intero Paese. Dopo la partita contro la Spagna aveva dichiarato di studiare sempre i rigoristi avversari, ma che per parare un calcio di rigore l'istinto del portiere è fondamentale. Oggi Gigio ha dimostrato di essere un fenomeno nella sfida psicologia dagli 11 metri. In effetti quando la telecamera si abbassa a livello del tiratore, vedere Donnarumma fermo, immobile tra i pali, con le braccia aperte, fa sembrare la porta ben più piccola dei 7 metri e mezzo che effettivamente misura.

Ora il nuovo capitolo della sua carriera sarà a Parigi, nella squadra di Neymar, Mbappe e Sergio Ramos. Gigio è pronto a prendersi il mondo con i suoi guantoni