Roma, 20 giugno 2021 - All'Olimpico ha debuttao l'inchino contro il razzismo in omaggio al movimento Black Lives Matter: prima della partita i giocatori del Galles si sono inginocchiati, come già avevano fatto nelle partite precedenti al pari dei colleghi britannici di Inghilterra e Scozia. Per la prima volta anche cinque giocatori azzurri hanno scelto di compiere questo gesto per denunciare le discriminazioni razziali. 

Azzurri, chi s'inginocchia e chi no

Nella prima volta assoluta, la squadra italiana s'inginocchia solo a metà: mentre dall'altra parte, prima del fischio d'inizio, tutti i giocatori del Galles si sono inchinati all'unisono, tra gli uomini di Mancini, invece, il gesto sembra essere nato in maniera spontanea e ad abbassare le ginocchia, come dicevamo, erano in cinque: Emerson Palmieri, Andrea Belotti, Rafael Toloi, Matteo Pessina e Federico Bernardeschi. Si tratta, peraltro, di cinque giocatori che finora non erano mai partiti dall'inizio a Euro 2020: "Non mi sono ricordato in quel momento - ha ammesso a fine match Pessina in conferenza stampa - ma poi mi sono reso conto e un secondo dopo l'ho fatto anche io". 
Un'Italia unita e felice nello spogliatoio, ma anche libera di decidere se appoggiare il movimento globale Black Lives Matter oppure ignorarlo. Così sembrano aver fatto i sei azzurri titolari che oggi hanno deciso di non aderire all'iniziativa dei compagni: Donnarumma, Bastoni, Bonucci, Verratti, Jorginho e Chiesa

Gravina

"Giocatori inginocchiati per il Black Lives Matter? Massimo rispetto per tutte le forme di dimostrazione contro la discriminazione razziale. Noi non imponiamo nulla, noi lasceremo liberi i nostri ragazzi". Così il presidente della Figc Gabriele Gravina, commentando l'episodio. "Chi conosce la Figc - ha aggiunto Gravina - sa che noi poniamo in essere ogni attività contro ogni forma di razzismo. Questo non può essere frutto di imposizione, ognuno assume le sue convinzioni attraverso le sue sensibilità più o meno tangibili". E ancora: "Con i ragazzi ne avevamo parlato, sapevamo che il Galles lo avrebbe fatto ed era previsto nel protocollo pre gara. I ragazzi sono stati liberi, qualcuno si è inginocchiato e altri hanno applaudito come i tifosi". 

Le altre nazionali

Anche altre nazionali si sono divise sul tema, a un Belgio compatto in ginocchio corrisponde così una Russia rimasta tutta in piedi. I francesi invece hanno cambiato idea dopo le proteste aizzate dall'estrema destra. Anche sul gesto degli Azzurri, oggi, i social si sono divisi tra favorevoli e contrari. Tra chi chiede la gogna mediatica dei sei che non si sono inginocchiati, e chi invece al contrario definisce "eroi" gli azzurri che lo hanno fatto. 

Inghilterra e Scozia in ginocchio

Due giorni fa, ha suscitato molti applausi dai tifosi di Wembley (e qualche fischio) il gesto dei  giocatori di Inghilterra e Scozia inglesi, che si sono inginocchiati prima della attesissima sfida valida per il secondo turno del gruppo D degli Europei. Il gesto dei giocatori inglesi, nelle ultime due amichevoli, aveva provocato numerosi fischi dei tifosi britannici e molte polemiche e anche nella prima partita del torneo non erano mancati.