Italia e Inghilterra sono in finale agli Europei 2021. Una partita di prestigio, una gara che tiene col fiato sospeso milioni di tifosi. E non solo. Anche le due Federazioni. Che comunque si sono già intascate diversi milioni di euro. Perché in ogni caso quella degli Europei di calcio è una macchina da soldi. Dal merchandising ai diritti tv, passando per tutto l'indotto che deriva dalla presenza dei tifosi nelle diverse città di questo torneo continentale per la prima volta itinerante: la torta è grossa e in tanti vogliono partecipare alla sua spartizione. Numerose sono le fette, va detto. E le più grosse spettano alle Federazioni calcistiche delle diverse nazioni.

Ma quanto guadagna una Federazione dalla partecipazione della propria Nazionale agli Europei? Il montepremi complessivo messo sul piatto dalla Uefa sarebbe di circa 331 milioni di euro. Ognuna delle 24 Nazionali che hanno partecipato a Euro 2020 si è assicurata a prescindere un gettone di presenza di 9 milioni e 250mila euro. Chi ha raggiunto gli ottavi di finale ha intascato altri 2 milioni,  più 3 milioni e 250mila euro per i quarti. Chi ha raggiunto le semifinali ha guadagnato altri 5 milioni, mentre la finale ne vale 7. E chi vince? Aggiunge 10 milioni a quanto già ottenuto. Premi anche per ogni risultato: ogni vittoria nella fase a gironi ha fatto intascare 1,5 milioni di euro, i pareggi 750mila euro. 

Se l'Italia riuscisse a vincere gli Europei nella finale di domenica, quindi, si porterebbe a casa un bottino totale di circa 41 milioni di euro. E questo soltanto per quanto riguarda i premi della Uefa. Se a queste cifre si sommano i ricavi commerciali che tutto l'indotto porta ad ogni Nazionale, si può facilmente capire quanto gli Europei siano un affare di certo sportivo ma anche economico.

Italia-Inghilterra: chi è l'arbitro della finale degli Europei. Tutto su Bjorn Kuipers