Olanda-Ucraina 3-2: l'esultanza di Weghorst (Ansa)
Olanda-Ucraina 3-2: l'esultanza di Weghorst (Ansa)

Gol ed emozioni alla Johan Cruijff Arena. L'Olanda debutta in questo Europeo mandando al tappeto l'Ucraina. Ma che fatica per i Tulipani, che si fanno rimontare dal 2-0 al 2-2 in appena quattro minuti. Nel finale però è il guizzo di Dumfries a fissare il punteggio sul definitivo 3-2. Per la nazionale guidata da Franck de Boer, priva di de Ligt, il modo migliore per cominciare il proprio percorso nel girone C e rispondere alla vittoria dell'Austria sulla Macedonia

Orange spreconi

L'inizio di gara è elettrizzante: i padroni di casa concludono verso la porta avversaria per ben tre volte nei primi sette minuti. L'Ucraina, dopo aver perso per infortunio Zubkov, prova a salire di colpi, con l'Olanda che fatica maggiormente a trovare spazi. Almeno fino al 27', quando Depay imbecca Weghorst, ma Bushchan gli sradica il pallone dai piedi. Dall'altra parte il più vivo è Yarmolenko, il cui tiro però non spaventa Stekelemburg. Decisamente più pericolosi i tentativi orange di Wijnaldum, che impegna severamente Bushchan, e di Dumfries, che da ottima posizione manda di testa la sfera sul fondo. E' questa l'ultima grande emozione del primo tempo.

La decide Dumfries

Il leit motiv del match non cambia in apertura di ripresa, ma stavolta l'Olanda non fallisce l'occasione: un rimpallo nell'area ucraina libera Wijnaldum, che al 52' spedisce il pallone dove Bushchan non può arrivare. Trascorrono sei minuti e i Tulipani raddoppiano con Weghorst, che approfitta di una respinta corta per insaccare il gol del 2-0. La squadra di Andriy Shevchenko sembra ormai stesa al tappeto e invece Yarmolenko da lontano si inventa al 75' la rete che ridà speranza ai suoi e nel frattempo toglie certezze ai locali. Non a caso, solo quattro giri di lancette più tardi la difesa orange si fa sorprendere sul calcio piazzato battuto da Malinovskyi che trova Yaremchuk, freddo nel trafiggere di testa Stekelemburg. L'inerzia adesso è tutta dalla parte dell'Ucraina, ma l'ultima parola ce l'ha Dumfries, che all'85' sfrutta il cross di Aké per regalare all'Olanda il primo successo in questo Europeo. 

Leggi anche: Le ultime su Eriksen