L'abbraccio tra Lukaku e Schmeichel
L'abbraccio tra Lukaku e Schmeichel

Emozioni a non finire nella partita tra Belgio e Danimarca: la squadra di Roberto Martinez conquista la seconda vittoria in questo Europeo con una rimonta arrivata nella ripresa, dopo un ottimo primo tempo degli avversari. Commozione al minuto 10, quando tutto lo stadio e i giocatori si sono fermati lasciandosi andare in un lungo applauso in onore di Eriksen. Ma un ottimo primo tempo non basta per conquistare punti contro la squadra belga che vola in testa al girone.

Primo tempo

Per il Belgio non è un buon primo tempo: la Danimarca scende in campo con coraggio, decisa a trovare la sua prima vittoria e a scrollarsi via le paure che purtroppo hanno accompagnato l'esordio in questa competizione. La partita si sblocca subito, al secondo minuto, grazie a una rete di Poulsen che approfitta di un rinvio disastroso di Denayer per battere Courtois. I danesi arrivano a un soffio dal vantaggio al quarto d'ora di gioco con Braithwaite che manda il pallone di poco fuori dalla porta.  La squadra belga non riesce a reagire alla furia degli avversari e al 34' rischia ancora con la sfuriata di Damsgaard che semina il panico ma non riesce a trovare la via del gol.

Secondo tempo

Se nella prima frazione di gioco la Danimarca era stata l'unica padrona del campo, nella ripresa la situazione si capovolge e il Belgio trova le forze per rientrare in partita con il pareggio al 55' segnato da Thorgan Hazard. bravo ad approfittare di un errore del centrocampo avversario per ricevere il pallone da nuovo entrato De Bruyne e riportare la sua squadra in corsa. A cambiare la partita è proprio il centrocampista del Manchester City, rimasto in panchina per tutto il primo tempo: al 70' è ancora lui il grande protagonista con una rete fenomenale dalla distanza, arrivata grazie a una bellissima azione portata avanti dai fratelli Hazard. Si chiude così il grande ribaltone del Belgio che decide di scendere in campo soltanto nel secondo tempo, riscattando i primi 45 minuti con una prestazione quasi perfetta.

Leggi anche - Nazionale, ottimismo per il recupero agli ottavi di Chiellini