Aleksander Ceferin
Aleksander Ceferin

Milano, 13 ottobre 2020 - "Al momento, stiamo pianificando l'Europeo esattamente come lo vogliamo". Parola di Aleksander Ceferin, che all'emittente tedesca Sportschau.de si è detto ottimista riguardo la regolare messa in scena del torneo intercontinentale, in programma originariamente per l'estate scorsa e posticipato alla prossima a causa dell'emergenza sanitaria. Il presidente della Uefa confida nella possibilità di fare entrare il pubblico negli stadi dei 12 paesi (fra cui l'Italia) che dall'11 giugno all'11 luglio faranno da teatro alla manifestazione, anche se non nega di avere pronte soluzioni alternative nel caso in cui la situazione non fosse sufficientemente sotto controllo. 

Piano B

"Siamo ben preparati, siamo più intelligenti e più forti rispetto a quando è scoppiata l'epidemia, perché sappiamo che tutto può succedere. Stiamo pensando a dei piani che non prevedano la presenza dei tifosi, o con il 30%, 50%, 70% di essi - racconta Ceferin - La formula dell'Europeo itinerante? Dal punto di vista simbolico è molto bello, ma per noi non lo è. Non è facile, indipendentemente dalla pandemia. Non ne siamo molto contenti. E' una grande sfida, ma sono sicuro che la manifestazione si terrà il prossimo anno". 

Leggi anche: El Shaarawy falso positivo