Christian Eriksen
Christian Eriksen

Milano, 1 febbraio 2020 - "Ho provato a convincerlo, ma aveva già preso la decisione di andar via. E da quel momento ho iniziato a pensare e costruire la squadra senza di lui". Josè Mourinho è approdato al Tottenham a fine novembre, quando per la permanenza di Christian Eriksen era ormai troppo tardi. "Lo sapevamo tutti, sin dal primo giorno che sono arrivato. Siamo rimasti in silenzio per via dell'accordo morale che avevamo con il ragazzo, che si è comportato da professionista fino alla fine". Il danese insomma aveva scelto da tempo di lasciare in anticipo gli Spurs e sul giocatore è piombata l'Inter, che lo ha convinto con un ricco contratto fino al 2024. 

L'affare però, secondo lo Special One, non lo hanno fatto solo i nerazzurri. "Mister Levy (il presidente degli inglesi, ndr) ha ottenuto una cifra importante, poi utilizzata per acquistare un giovane come Bergwijn". Ora però il Tottenham dovrà fare a meno di un calciatore di assoluto spessore, come testimoniano le sue statistiche in Premier League.

A goderselo sarà Antonio Conte e i tifosi dell'Inter. "Christian è stato un grande colpo per il club: era in condizione di scegliere e ci ha scelto - le parole del tecnico ex Juventus - Questo deve essere un motivo di orgoglio. Stava giocando poco con il Tottenham, però dal punto di vista fisico l’ho trovato in condizione discreta. Sta entrando nella nostra idea di calcio, abbiamo parlato tanto con lui io e lo staff per fargli capire cosa vogliamo da lui. Sicuramente è un calciatore che recepisce subito". Tanto che, domani sera a Udine, il classe '92 dovrebbe essere schierato da titolare dopo il debutto a partita iniziata contro la Fiorentina in Coppa Italia.