Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
29 mar 2022

Eriksen, il gol più bello nello stadio dove si accasciò

L'ex Inter ancora a segno con la Danimarca, stavolta al Parken Stadium: 9 mesi fa qui rischiò la vita per un arresto cardiaco 

29 mar 2022
epa09858612 Denmark's Christian Eriksen (L) and Denmark's head coach Kasper Hjulmand during the International friendly soccer match between Denmark and Serbia in the Park, Copenhagen, Denmark, 29 March 2022.  EPA/Liselotte Sabroe  DENMARK OUT
Eriksen nel match contro la Serbia (Ansa)
epa09858612 Denmark's Christian Eriksen (L) and Denmark's head coach Kasper Hjulmand during the International friendly soccer match between Denmark and Serbia in the Park, Copenhagen, Denmark, 29 March 2022.  EPA/Liselotte Sabroe  DENMARK OUT
Eriksen nel match contro la Serbia (Ansa)

Milano, 29 marzo 2022 - Il cerchio si è chiuso. Christian Eriksen si è messo definitivamente alle spalle il malore oltre nove mesi. Il centrocampista offensivo ex Inter, a pochi giorni di distanza dal ritorno in Nazionale condito dalla rete nell'amichevole disputata ad Amsterdam contro i padroni di casa dell'Olanda (4-2 per i tulipani), è tornato a calcare quel terreno di gioco dove fu colpito da un arresto cardiaco al minuto 43 della sfida della prima fase degli Europei fra Danimarca e Finlandia. Al Parken Stadium di Copenhagen, il classe '92 è stato schierato titolare contro la Serbia, ha indossato la fascia di capitano al braccio ed è pure andato a segno al minuto 57 con un destro da fuori area per il definitivo 3-0. 

Sogno Mondiale

Una gioia immensa per Eriksen e per tutti i sostenitori danesi, che lo hanno osannato prima e durante il match odierno, sommergendolo di affetto. Sostenitori che possono festeggiare per aver ritrovato il loro campione. Il nativo di Middelfart, che dallo scorso 31 gennaio è legato contrattualmente per sei mesi al Brentford, ha ripreso a sentirsi davvero un calciatore, dimostrando di poter tornare ad alti livelli nonostante il defibrillatore sottocutaneo e tutto quello che ha dovuto affrontare. E ora il sogno di partecipare al prossimo Mondiale in Qatar sembra davvero alla portata. Tanto che definirlo sogno pare quasi eccessivo. 

Leggi anche: Under 21, Italia-Bosnia 1-0

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?