L'esultanza nerazzurra (Ansa)
L'esultanza nerazzurra (Ansa)

Empoli, 27 ottobre 2021 – L’Inter tiene il passo del Milan e rimane a meno sette dalla vetta, distanziando la Juventus sconfitta in casa dal Sassuolo. La squadra di Inzaghi si è imposta al Castellani di Empoli per 0-2 al termine di una partita non facile nelle fasi iniziali, ottimo Empoli in pressing, ma facilitata dalla marcatura di D’Ambrosio e dall’espulsione di Ricci nella ripresa. A segno anche Dimarco.

Serie A, tutti i risultati 

Decisivo D’Ambrosio

Simone Inzaghi conferma le indiscrezioni della vigilia, c’è Sanchez titolare con Lautaro, in difesa rifiata Skriniar per far posto a D’Ambrosio. Andreazzoli lancia ancora la coppia Pinamonti-Cutrone. L’Inter prova a partire forte, ma l’Empoli non fa da sparring partner mettendoci agonismo e pressione aggressiva trovando anche una botta di Stojanovic deviata da Handanovic. La squadra di Andreazzoli ha idee e movimenti perfettamente codificati e sfiora nuovamente il vantaggio al 19’ quando Bajrami sfugge in fascia e serve Luperto, ma c’è D’Ambrosio a salvare un gol già fatto. Poche cose in avvio dai nerazzurri a parte un sinistro di Dimarco su cui Vicario è attento. Il finale di primo tempo è ancora per D’Ambrosio, di fatto il migliore. Prima chiude tempestivamente su Pinamonti in area, anche se con un rischio per un colpo sullo stinco, poi dall’altra parte ruba sulla trequarti e stacca di testa su splendido assist di Sanchez. E’ il gol del vantaggio che suggella 45 minuti di grande contributo per il difensore ex Torino. L’Empoli, che ha speso molte energie con il pressing a tutto campo di Andreazzoli, pian piano si spegne e si espone. Al 45’ contropiede Inter con palla in profondità per Sanchez che viene fermato sul più nello. All’intervallo è 0-1.

Espulso Ricci, raddoppia Dimarco

 

Passata la sfuriata iniziale dei padroni di casa, l’Inter trova la sua dimensione per vincere la partita. Altro punto di svolta a inizio ripresa, Ricci interviene duramente da tergo su Barella e rimedia un rosso diretto al 52’, Empoli in dieci. Partita allora in discesa per i nerazzurri che cominciano a creare occasioni per il secondo. Anzi, il gol arriva con il tap in di Sanchez ma è offside. Prima del secondo, che segnerà Dimarco su centro di Lautaro, ci sono due zuccate per Gagliardini, palo, e Lautaro, miracolo di Vicario, a legittimare una vittoria diventata molto più facile del previsto dopo la prima rete e, soprattutto, dopo l’espulsione. Nel finale c’è tempo anche per Vecino e Correa al posto di Sanchez e Brozovic, segno che ci si avvia verso un finale di gestione. C’è anche il tris al 74’ quando da corner di Dimarco arriva Gagliardini, ma il replay evidenzia un tocco galeotto con il gomito. Rete giustamente annullata. Non c’è molto altro da segnalare, se nonché il neo entrato Sensi trova la terza marcatura ma è ancora fuorigioco, poco importa per Inzaghi che si gode la vittoria e tre punti importanti per restare nella lotta Scudetto.

Leggi anche - Lopez gela lo Stadium: Juve-Sassuolo 1-2