Dzseko e Mayoral si contendono un posto da titolare in attacco
Dzseko e Mayoral si contendono un posto da titolare in attacco

Roma, 1 aprile 2021- Dopo la lite con Paulo Fonseca, per Edin Dzeko tutto è cambiato: il bosniaco è stato a un passo dall'addio alla Roma nell'ultima sessione di calciomercato e la permanenza in giallorosso non gli ha assicurato più neanche un posto da titolare in campionato. E anche per questa ultima parte di stagione il numero 9 dovrà fare i conti con la concorrenza di Borja Mayoral.

Un posto per due

L'attaccante spagnolo sarebbe dovuto essere un'arma da utilizzare a partita in corso, con il posto assicurato soltanto per le partite di Europa League concesso dal turnover, ma in poche settimane la situazione si è praticamente capovolta. Borja Mayoral adesso è titolare fisso nel tridente della Roma, dove ha giocato un totale di 22 partite segnando 6 gol e servendo 4 assist. I numeri sono dalla sua parte, contando soprattutto il fatto che questo è il suo primo anno in Serie A e che all'inizio della stagione gli erano concessi soltanto pochi minuti in campo. Dalla sconfitta in Coppa Italia contro lo Spezia il rapporto tra Dzeko e Fonseca si è incrinato e a beneficiarne è stato proprio lo spagnolo, diventato incredibilmente protagonista con i giallorossi.

La staffetta continua

Sebbene nelle ultime due partite Dzeko sia sceso in campo dal primo minuto, il posto è tutt'altro che al sicuro. Contro Parma e Napoli sono arrivate sconfitte pesanti che hanno rimesso tutti in discussione e hanno complicato la corsa alla Champions League e adesso il bosniaco potrebbe accomodarsi di nuovo in panchina. Il suo impatto a livello di gol e prestazioni è stato quasi nullo e per questo la volata finale potrebbe essere affidata ai piedi di Mayoral: già nella prossima partita contro il Sassuolo lo spagnolo potrebbe partire titolare, con Dzeko preservato probabilmente per la doppia sfida di Europa League contro l'Ajax, una competizione dove la sua grande esperienza potrebbe davvero fare la differenza.

Leggi anche - Luis Alberto difende Armini: "Rispetto per lui"