De Bruyne (ANSA)
De Bruyne (ANSA)

Manchester (Inghilterra), 7 marzo 2021 – Il Manchester City si tiene stretto Kevin De Bruyne: dopo il gol, con tanto di sgroppata inarrestabile, e l’assist per Phil Foden – fondamentali per piegare 2-1 il Dortmund nell’andata dei quarti di finale di Champions League – i “Citizens” hanno infatti annunciato il rinnovo del fuoriclasse belga classe 1991 fino al 2025. Acquistato nell’estate del 2015 per una cifra vicina ai 78 milioni di euro – finiti nelle casse del Wolfsburg che lo aveva precedentemente acquistato dal Chelsea – De Bruyne è stato protagonista di una crescita esponenziale che lo ha visto diventare una delle mezze ali più forti d’Europa: nei cinque anni trascorsi in biancoazzurro il belga ha infatti messo a segno 65 gol ma soprattutto distribuito ai compagni oltre 100 assist, che hanno aiutato e non poco il City a conquistare, tra le altre cose, anche due Premier League e altrettante FA Cup.
 

La soddisfazione del giocatore


De Bruyne, il cui precedente accordo sarebbe scaduto nell’estate 2023, guadagnerà circa 16 milioni di sterline all’anno e all’atto della firma non ha ovviamente nascosto la sua gioia per la permanenza al City e il suo grande feeling con Pep Guardiola: “Sin da quando sono arrivato, nel 2015 – ha detto De Bruyne ai canali ufficiali del club –, mi sono sentito a casa. Amo la città di Manchester, i tifosi del City e la mia famiglia si trova bene qui, dove sono cresciuto molto. Qui siamo orientati al successo e il club mi offre tutto ciò di cui ho bisogno per rendere al massimo. Per questo rinnovare è stata una scelta facile. Sto giocando il miglior calcio in carriera e sento che il meglio debba ancora arrivare. Io e Guardiola vediamo il calcio allo stesso modo. Avere un rapporto di questo tipo con l’allenatore è per me molto importante perché i nostri obbiettivi sono totalmente coincidenti. L’obiettivo, adesso, è finire la stagione in maniera vincente. Fino ad ora i risultati sono stati ottimi ma dobbiamo assicurarci di chiudere la stagione con i trofei che ci meritiamo”.

Leggi anche - Euro 2020: arriva l'ok del Governo per la parziale apertura degli stadi