Christian Eriksen
Christian Eriksen

Crotone, 1 maggio 2021 - Se dopo la vittoria contro il Verona lo Scudetto era vinto al 95%, oggi lo è al 99%. L'Inter ha espugnato lo Scida di Crotone grazie ad un destro del neo entrato Eriksen nella ripresa e al contropiede della freccia Hakimi: l'Atalanta è costretta a battere il Sassuolo per evitare la matematica a quattro giornate dalla fine.

Due pali nerazzurri

Conte con i titolari ma lancia Sensi al posto di Eriksen, Cosmi si affida ai soliti Ounas e Simy. La partita è vibrante, perché il Crotone gioca a calcio e l'Inter ha uomini veloci per ripartire. Fioccano subito occasioni, sinistro di Ounas murato da Handanovic e uscita di Cordaz su Sensi lanciato a rete da Brozovic. I padroni di casa attaccano e si scoprono, l'Inter ha qualità e la partita resta interessante anche se i portieri non sono chiamati a grandi miracoli. I nerazzurri escono alla distanza nella seconda parte del primo tempo e sono anche sfortunati con due pali. Il primo è con una zuccata di Lukaku sugli sviluppi di un corner, il secondo è invece frutto di una splendida giocata solitaria di Lautaro che di precisione coglie il montante con il destro. Nel finale è assedio Inter e Sensi di destro impegna Cordaz, ma il Crotone resiste sullo zero a zero.

Decide Eriksen

 

La ripresa è meno entusiasmante, il Crotone sente di poter ottenere un risultato di prestigio e tende ad abbassarsi di più, l'Inter allora prende campo e comanda il gioco, ma a parte una botta di Hakimi di poco alta le occasioni non sono abbondanti. Conte deve dunque rivolgersi ai cambi e inserisce Sanchez, Eriksen e Perisic, scelta che paga immediatamente. Tempo un paio di minuti, siamo al 69', e arriva una ottima combinazione tra Sanchez e Lukaku che libera il destro di Eriksen: deviazione e gol. Conte esulta in panchina e sente che può essere l'ultimo mattone per lo Scudetto. All'83' gli ospiti trovano il secondo gol in ripartenza con una splendida triangolazione tra Perisic e Lukaku che porta il belga di piatto a battere Cordaz, ma il compagno era in fuorigioco al momento dell'avvio dell'azione. Ma la partita è in discesa e all'ultimo respiro, in contropiede, Hakimi mette il secondo. L'inter è praticamente campione d'Italia, manca solo la aritmetica e arriverà se l'Atalanta non batterà il Sassuolo.

Leggi anche - Serie A, anticipo: Verona-Spezia 1-1