Milano, 28 marzo 2021 - L'ira funesta di Cristiano Ronaldo. Niente gol convalidato, le proteste accese contro il fischietto olandese Makkelie e i suoi assistenti, e la fascia di capitano gettata a terra. Succede tutto a dieci secondi dalla fine di Serbia-Portogallo, match valido per le qualificazioni ai prossimi Mondiali. Sul punteggio di 2-2, con i padroni di casa capaci di rimontare il doppio vantaggio dei lusitani, CR7 riesce a trovare il varco giusto e, su un lancio dalle retrovie, supera con un tocco preciso il portiere avversario, ma la conclusione viene salvata da un difensore. Peccato però che la palla oltrepassi ampiamente la linea di porta. Tutto inutile, perché l'arbitro - sprovvisto della goal line technology - non convalida la rete della vittoria del cinque volte Pallone d'Oro, che lascia immediatamente il campo visibilmente contrariato. 

Le reazioni

"Il gol non è stato convalidato ma la palla era più di mezzo metro dentro la porta - il commento a fine partite del ct portoghese, Fernando Santos - Ovviamente questo non cancella ciò che non abbiamo fatto bene o avremmo potuto fare meglio, ma in una partita di questo livello e nel calcio in generale subire una cosa di questo livello non è plausibile". Altrettanto amaro il messaggio social di Ronaldo. "Essere il capitano del Portogallo è uno dei più grandi orgogli e privilegi della mia vita. Do sempre e darò tutto per il mio Paese, questo non cambierà mai - scrive l'attaccante della Juventus - Ma ci sono momenti difficili da affrontare, soprattutto quando sentiamo che un'intera nazione viene danneggiata. Alza la testa e affronta subito la prossima sfida! Andiamo, Portogallo!"

 

Leggi anche: Europei Under 21, Spagna-Italia 0-0