Gian Piero Gasperini (Ansa)
Gian Piero Gasperini (Ansa)

 

Bergamo, 10 febbraio 2021 - Neanche l'aria spesso fortunata della Coppa Italia aiuta a chiudere la crisi in casa di un Napoli che non riesce a difendere il titolo di campione in carica, chiudendo il proprio cammino nel torneo a un passo dalla finale. Finale dove invece sarà di scena l'Atalanta, a segno con Zapata e Pessina, autore di una doppietta: nel mezzo il lampo dell'illusione azzurra firmato Lozano che non basta a consentire ai suoi di raggiungere la Juventus nella gara in programma il prossimo 19 maggio.

Le parole di Percassi

Il microfono passa all'amministratore delegato Luca Percassi, che commenta con gioia la seconda finale di Coppa Italia della sua Atalanta negli ultimi 3 anni: un ruolino di marcia invidiabile per una squadra che fino a poche stagioni fa lottava per ben altri obiettivi. "E' una grande emozione per la città anche se pesa l'assenza di pubblico: speriamo che i nostri tifosi possano godere almeno in parte di una finale che premia ancora una volta il nostro progetto". Progetto fatto di cessioni dolorosi compensati da investimenti sempre più riusciti: su tutti quello operato su Pessina. "Matteo rappresenta uno dei giocatori che sta crecendo maggiormente: in questo è aiutato dalle tante partite importanti che sta disputando insieme alla squadra".

Le parole di Gasperini

Sulla stessa falsariga di Percassi è Gasperini, che elogia l'ex Verona ma in generale un gruppo capace di regalare e regalarsi gioie su ogni fronte. "Siamo felici di aver raggiunto una finale che potrebbe consentirci di apporre in bacheca qualcosa che resta per sempre. Non vogliamo però trascurare gli altri fronti in cui siamo in ballo, su tutti la Champions League: tra due settimane sfideremo per la prima volta il Real Madrid e se dovessimo vincere sarebbe un ulteriore passo per la nostra crescita". Crescita già tangibile: a farne le spese il Napoli campione in carica. "Loro hanno grande qualità e sapevamo che al rientro dopo la ripresa ci avrebbero messo in difficoltà: l'unica soluzione era trovare il terzo gol, cosa che poi in effetti abbiamo fatto".

Le parole di Gattuso

E' risultata invece vana invece l'unica rete realizzata dal Napoli che non basta a calmare le acque intorno a Gattuso, che innanzitutto smentisce qualsiasi contatto nel dopopartita con De Laurentiis. "Non l'ho sentito. Di sicuro potevamo fare meglio in particolare nel primo tempo, quando l'Atalanta ci ha schiacciato. Poi abbiamo preso il pallino del gioco nella ripresa e fatto buone cose, ma per uscire da questo momento dobbiamo ritrovare energie ed entusiasmo".Leggi anche - Mondiale per club, Bayern Monaco-Tigres. Le probabili formazioni