Juventus, Paulo Dybala (Ansa)
Juventus, Paulo Dybala (Ansa)

Roma, 4 giugno 2020 - Il calcio col vento in Coppa. Era nell'aria, ora è diventato ufficiale con le parole di Spadafora: la Coppa Italia parte prima rispetto alla tabella iniziale. Le semifinali, Juventus-Milan e Napoli-Inter, sono state anticipate. "Le due semifinali di Coppa Italia sono state anticipate al 12 e 13 giugno per concedere un giorno in più alle squadre che dopo avranno tanti impegni ravvicinati". Il ministro dello Sport e delle politiche giovanili, Vincenzo Spadafora, ha dato l'annuncio nel corso di una diretta sul suo account Facebook. Accolte così le richieste dei club, dopo giorni e giorni di discussioni sul tema e diversi scontri tra le parti, con l'Inter che chiedeva un'inversione delle gare dovendo poi giocare prima in campionato il 21 giugno (nel recupero con la Samp), rispetto a Milan e Juventus di scena il 22. 

Serie A, il nuovo calendario / Pdf

"Il calcio riparte con tre partite sulla Rai in chiaro, visto che poi il 17 ci sarà la finale", aggiunge Spadafora rivendicando questa scelta: "Avevo chiesto al mondo del calcio che si potesse ripartire con la Coppa Italia perché saranno tre partite, due semifinali e la finale, che saranno mandate in onda dalla Rai e dunque potranno essere viste da tutti gli italiani". Sarà la semifinale tra i campioni d'Italia e i rossoneri (1-1 nell'andata di San Siro) a riaprire la stagione del calcio: l'indomani, toccherà a Napoli-Inter (1-0 per Gattuso il primo round).