Carlos Bacca (AFP)
Carlos Bacca (AFP)

Bologna, 26 giugno -  Allo stadio dell'Università di Phoenix la Colombia con una prestazione solida si aggiudica il 3° posto di questa Copa America del Centenario, a scapito degli USA padroni di casa.. Decide la partita il gol di Bacca, che sfrutta un tocco sporco su assist di Arias. Partita bloccata nel primo tempo, vibrante e piena di occasioni nel secondo, con entrambe le squadre più volte vicine al gol. Da annotare nel finale la doppia esplulsione di Arias e Orozco, autori di una spiacevole rissa durata fortunatamente pochi minuti.

LA CRONACA – Gli Stati Uniti di Klinsmann scendono in campo con un 4-4-2 totalmente rivoluzionato rispetto a quello visto in semifinale con l’Argentina:  in porta l’estremo difensore Tim Howard, che sostituisce Guzan, e poi in campo i vari Wood, Orozco, Besler, Bedoya, Jones che prendono il posto di Johnson, Brooks, Zudl, Beckerman e Wondolowski. La Colombia di Pekerman, reduce dalla sconfitta in semifinale con il Cile, schiera un 4-2-3-1 in cui la novità, rispetto alla partita con la Roja, è determinata da Carlos  Bacca, ritornato titolare al posto di Martinez.

Dopo 30’ minuti equilibrati del primo tempo, in cui prevale il dominio territoriale degli USA,  passa la Colombia: stupenda azione costruita da "El Bandido" Rodriguez, che imbuca per Arias che mette al centro per Bacca. L’attaccante del Milan sfiora il pallone quanto basta per poterlo far entrare dolcemente in rete. 0-1. Subito gli USA hanno la grande opportunità di segnare il pareggio con Jones. L’ex Schalke 04 si esibisce in un bellissimo tiro al volo ma il portiere colombiano Ospina è rapido a intervenire e bloccare il tiro. Il primo tempo, dopo un paio di tentativi non andati a segno da parte della nazionale a stelle e strisce, finisce qui.

Nella ripresa la squadra di Klinsmann entra in campo con un altro piglio e va ancora vicina al pareggio con Dempsey: il fuoriclasse americano impensierisce seriamente Ospina con una punizione all’incrocio che il portiere colombiano smanaccia fuori. Rispondono al 57’ i Cafeteros con James Rodriguez, che riceve un cross in area e con un tiro mette a dura prova i riflessi di Howard. Un paio di azioni dopo è lo juventino Cuadrado a rendersi pericoloso con un pallonetto morbido dal limite dell’area che coglie la traversa. Al legno colombiano risponde il legno colpito dagli statunitensi con Wood, che di sinistro fa tremare tutta la Colombia. E’ ancora il neo acquisto dell’Ambugo a rendersi pericoloso in area, con la palla che schizza fuori e manda al tiro Dempsey: il suo tiro si spegne di poco fuori. All'87' è il neo entrato Marlos Moreno ad avere l'occasione di chiudere il match, ma il suo rasoterra sbilenco termina lontano dalla porta degli USA. Nel finale brutto episodio per una mini rissa scatenata da Orozco e Arias, entrambi esplulsi. Il match finisce qui. La Colombia si aggiudica l'obiettivo minimo prefissato, il 3° posto e, per quello che si è visto in questa Copa America può guardare con speranza al futuro don questa nazionale. Stesso discorso vale per gli USA, autori di un'ottima gara e di un ottima figura nel Copa del Centenario organizzata in casa, che li proietta di diritto in una nuova dimensione dove il calcio non è più sport minoriritario, ma evento seguito da milioni di persone.