Rocco Commisso
Rocco Commisso

Milano, 15 ottobre 2021 - "Lo scudetto dell'Inter? I nerazzurri erano fra i club ad essere ben lontani dal rispettare i requisiti necessari di liquidità. Chi non si attiene alle regole stabilite dalla Lega dovrebbe pagarne le conseguenze, come essere penalizzato in campionato". Campionato, quello della scorsa stagione, che secondo il presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, è stato falsato. Il proprietario italo-americano dei viola attacca nuovamente la Beneamata, così come era già successo anche per la Juventus, per i debiti accumulati e critica il sistema italiano. "Il problema in Italia è che le regole non valgono per tutti", sottolinea Commisso in occasione di un meeting organizzato dal Financial Times negli Stati Uniti. 

"Sempre fatto il mio dovere"

"Ogni sei mesi dobbiamo fornire dei dati sul rapporto di liquidità nel calcio italiano. Noi e altre società lo abbiamo fatto. Io ho sempre fatto il mio dovere: ho messo i soldi, il club non ha debiti, quindi se c'è bisogno di capitale, lo porto io dagli Stati Uniti - racconta il presidente della Fiorentina - C'erano invece alcuni club che erano ben lontani dal rispettare i requisiti necessari di liquidità. E uno di questi ha vinto il campionato. Successivamente hanno dovuto rettificare il rapporto di liquidità vendendo giocatori come Lukaku e Hakimi. Questo dopo la fine del campionato e non prima. Chi non rispetta le regole stabilite dalla Lega, dovrebbe pagarne le conseguenze, come essere penalizzato in campionato". 

Leggi anche: Lazio-Inter, le probabili formazioni