La Roma vince col Chievo a Verona (Ansa)
La Roma vince col Chievo a Verona (Ansa)

Verona, 8 febbraio 2019 - Tre schiaffi alla crisi e tre colpi Champions: il tris firmato El Shaarawy, Dzeko e Kolarov con il quale la Roma stende a domicilio un Chievo sempre più in caduta libera regalano a Di Francesco una boccata di ossigeno dopo il recente periodo duro ma, soprattutto, consentono ai giallorossi di agganciare il quarto posto, l'ultimo buono per qualificarsi alla competizione europea più prestigiosa, attualmente occupato dalla Lazio a quota 38 punti.

Chievo-Roma 0-3, rivivi la diretta

Serie A, dirette, risultati e classifica

UNO-DUE LETALE - Per provare a scacciare i venti di crisi Di Francesco, privo degli infortunati Olsen e Manolas, conferma Karsdorp sulla destra e in mezzo dà una chance di riscatto al tandem Fazio-Marcano: in avanti, accanto a Dzeko, spazio a El Shaarawy e Schick, con la fantasia di Zaniolo a supporto. E' proprio il numero 22 giallorosso ad accendere il match all'8' con un mancino in diagonale che obbliga Sorrentino ad allungarsi e a rifugiarsi in corner. Le cattive notizie per il portiere del Chievo arrivano 1' dopo, quando Nzonzi intercetta un suo rilancio e innesca l'affondo di El Shaarawy tra Bani e Frey che conduce al tocco sotto vincente da posizione defilata: con questo, sale a 7 il bottino del Faraone contro i clivensi, che al 18' cadranno ancora quando Dzeko elude la marcatura di Hetemaj e scocca un diagonale mancino che beffa Sorrentino sul secondo palo. La risposta dei padroni di casa arriva al 24' con la rasoiata di Djordjevic dai 25 metri deviata in corner: al 33' il serbo ci riprova, stavolta di testa dopo una sponda da calcio d'angolo di Bani, ma Mirante risponde presente.

ARRIVA IL TRIS - All'alba della ripresa la Roma chiude definitivamente i giochi con Kolarov, al suo sesto timbro stagionale: l'ex Manchester City beneficia di una trama in velocità tra El Shaarawy e Dzeko e col mancino punisce ancora Sorrentino, che invece al 68' e al 69' respinge prima la potente botta di Fazio sugli sviluppi di un corner e poi quella dello bosniaco al culmine di una ripartenza orchestrata da Florenzi. Intanto, in casa Chievo, oltre al tremendo risultato e a una classifica sempre più nera, piove sul bagnato pure sul fronte infortuni: Di Carlo in difesa perde sia Frey che Depaoli, entrato proprio per sostituire il francese. L'unica buona notizia - si fa per dire - per i clivensi arriva dai legni: al 77' la traversa dice di no al potenziale poker di Dzeko, autore di un potentissimo sinistro, mentre all'84' è il palo a risputare in campo il destro di El Shaarawy, servito proprio dal bosniaco.

Tabellino

Chievo Verona: Sorrentino; Frey (39' Depaoli e dal 72' Schelotto), Rossettini, Barba, Bani; Leris, Dioussé, Hetemaj (59' Piazón); Giaccherini; Stepinski, Djordjevic. A disp.: Semper, Caprile, Cesar, Jaroszynski, Rigoni, Kiyine, Burruchaga, Grubac, Meggiorini, Pucciarelli. All. Di Carlo.

Roma: Mirante; Karsdorp, Fazio, Marcano, Kolarov; Cristante, Nzonzi, Zaniolo (75' De Rossi); Schick (59' Florenzi), Dzeko, El Shaarawy (86' Kluivert). A disp.: Fuzato, Greco, Juan Jesus, Santon, Pastore, Coric. All. Di Francesco.  

Arbitro: Abisso.  

Reti: 9' El Shaarawy (R), 18' Dzeko (R), 51' Kolarov (R). Note: ammoniti Cristante (R), Zaniolo (R), Barba (C).