Chiesa in azione nell'ultimo Juve-Napoli
Chiesa in azione nell'ultimo Juve-Napoli

Milano, 22 maggio 2021 - Lo striscione dell'ultimo km per il traguardo Champions League è all'orizzonte in Serie A. In 90 appassionanti minuti, Juventus, Milan e Napoli si contendono gli ultimi due posti che valgono l'accesso all'Europa che conta. Gli azzurri e i rossoneri hanno il destino nelle loro mani: vincendo rispettivamente contro l'Hellas Verona in casa e a Bergamo con l'Atalanta, entrambe sarebbero certe di centrare l'obiettivo. Diverso il discorso per la squadra di Andrea Pirlo, che oltre a battere il Bologna al Dall'Ara è costretta a sperare nel passo falso di almeno una delle due rivali. I bianconeri hanno infatti un punto in meno, ma le speranze sono quanto mai accesse. 

Serie A: risultati / Classifica

Alta tensione a Bergamo

Il motivo è legato soprattutto allo scontro diretto fra Atalanta e Milan. Se infatti il Napoli sembra atteso da un impegno dall'esito scontato, lo stesso non si può dire del Diavolo, che affronta una Dea ferita dalla sconfitta nella finale di Coppa Italia e alla ricerca di quel successo che le consentirebbe di blindare la seconda posizione, ossia il risultato migliore mai raggiunto in campionato. L'occasione è ghiotta e i ragazzi di Giampiero Gasperini non intendono lasciarsela sfuggire, nonostante dall'altra parte ci una formazione, quella allenata da Stefano Pioli, affamata e che, espugnando il Gewiss Stadium, firmerebbe il nuovo primato di vittorie esterne nella storia della serie A (quello attuale è di 15). 

Le combinazioni 

Detto che al Milan e Napoli sarebbe sufficiente strappare i tre punti per qualificarsi in Champions, in caso di arrivo a pari merito a due o a tre cosa accadrebbe? La Vecchia Signora sarebbe indietro sia rispetto al Diavolo (scontro diretto) che ai partenopei (differenza reti peggiore). Se invece dovessero essere appaiate Napoli e Milan dopo la 38° giornata, sarebbero i rossoneri ad avere la meglio. Infine, se le tre contendenti dovessero archiviare il campionato con lo stesso numero di punti, allora resterebbe fuori la Juventus. La classifica avulsa e la differenza reti negli scontri diretti proietterebbe il Milan al terzo posto e il Napoli quarto, per via delle miglior differenza reti generale rispetto alla compagine piemontese. 

Leggi anche: Juventus, Douglas Costa torna al Gremio